PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Racconti sulla nostalgia

Pagine: 1234... ultimatutte

Guadalavez

Non piove ormai da chissà quanto a Guadalavez. Si potrebbe andare al mare, oppure... oppure stare a casa col ventilatore ad un centimetro dal viso. Devo scrivere il racconto per El Diario de Guadalavez ma fa veramente troppo caldo. "Buon giorno maestro, anche oggi caldo da morire; eh beato lei che si gode la vita; ha visto che partita ieri? Se continua così le suoniamo anche a quei spocchiosi di brasiliani. Ecco il solito caffè maestro, ora le porto anche l'acqua". Ogni giorno così a Guadalavez, sempre uguale, sempre la stessa sedia, lo stesso tavolino e lo stesso caffè, che oltretutto non è neanche buono. “ Macchisenefrega del calcio, del brasile, a me non piace neanche il calcio, e così che vi tengono buoni. Panem et circenses. Ma io non ci casco, ahh no. Che si impicchino." Questi pensieri gli strisciavano tra le labbra mentre arrotolava del tabacco dentro una cartina, rituale giornaliero del dopo caffè; le sue labbra socchiuse davano il ritmo ai movimenti delle mani. "Che... si... impi... cchi... no...". Così silenziosamente borbottando completò la sua sigaretta. Ma quei gesti erano figli di un automatismo ricorrente. Quello che attraeva veramente la sua attenzione erano dei pantaloncini, guarda caso da calciatore, gialli bordati di verde con un numero dieci rosso stampato sul lato destro; sul lato sinistro un rombo verde con dentro un globo azzurro. Ma si, insomma, i colori del Brasile. Chi non conosce i colori del Brasile? Pantaloncini da calciatore attillati e molto corti, quelli dei tempi di Pelè, per intenderci. Don Fernando seguiva con una meticolosa panoramica quell'incedere lento. Dal suo tavolino aveva il pieno dominio visivo di Plaça de Libertadores e solo un idiota non si sarebbe potuto accorgere di quella camminata che tagliava lentamente la piazza. Del resto l'espressione dello scrittore era molto simile a quella di un idiota. Felicia era comunque accaldata anche se indossava solo quei pantaloncini e una canotta arancione. La sua

[continua a leggere...]



Bruno

Nonna sulla sua poltrona accanto alla finestra semichiusa, vista ormai la bella stagione che era iniziata, perché non entrasse tanta "aria" in casa; nonno alla mia destra davanti al tavolo tondo allungabile del soggiorno.
Alla televisione Gianni Minà presenta Joan Baez nel suo programma Blitz dicendo:
"Le abbiamo chiesto di cantarci una canzone italiana, le abbiamo proposto C'era un ragazzo... e la canzone di Marinella..."
La Baez sceglie quest'ultima e la canta.
Una versione particolare della canzone, alla fine della quale guardo nonno e lo vedo scosso. Mi sorprende, non credo avesse mai sentito la canzone poiché la musica leggera, specie quella dei cantautori, non gli piaceva per nulla.
Lo riguardo per trovare una conferma od una smentita:
"Mi ha commosso, ... non so perché ma mi ha commosso" mi dice asciugandosi gli occhi.
Non avevo mai visto mio nonno con le lacrime agli occhi eppure si commuoveva per una canzone, mio nonno.

Si commuoveva e sapeva coinvolgere, farsi coinvolgere e narrare. I suoi racconti della ritirata in Russia, erano la storia che ti entrava nella vita. Quando, alle medie, lessi "Centomila gavette di ghiaccio", in pratica lo conoscevo già, come il film "Italiani, brava gente", che già avevo visto con i suoi occhi.
Le storie che raccontava di quella ritirata, non erano cruente, edulcorava i fatti e te li metteva in una luce di racconto per bambini. Non erano spaventosi, come doveva essere stata quella pagina della sua vita che lo aveva visto richiamato alle armi, dopo i trenta anni con la mia mamma già nata.
Fu anche per questo che lui non si perse nell'inverno del quarantatré.
Pizzicotti, disse, e schiaffi in faccia per non addormentarsi nell'abbraccio della morte bianca, perché si era imposto di tornare a casa, da quell'inferno.
Rimase il ricordo delle isbe calde, del freddo e qualche parola di russo.

Dopo la Russia, la prigionia a Pratica di Mare, con la malaria in regalo, e la fuga nella scoscesa pineta, rinc

[continua a leggere...]



Giorno di solitudine

Lei.

Vorrebbe solo riuscire a non sentirsi così, sola.
Anche se sola lo è stata, sempre.
Fino a che è arrivato lui, con la sua presenza capace di riempirle quel vuoto d'anima che sentiva.
Quel vuoto che nessuno coglieva in lei, solo lui, che avendone la parte mancante la sentiva, come un richiamo a distanza.
Quella metà di lei, quella lontana, quella che con poco riusciva a riempirle il vuoto, il silenzio.

Gli occhi da bambina non sorridono, bagnati ad oltranza da lacrime amare e solitarie, le labbra serrate in un muto richiamo, curvano tristi in quella smorfia passata.
Gambe stanche non riescono a tenere il passo di quel suo cuore innamorato, chiedono riposo, lo impongono rimanendo immobili e aspettando che gli occhi, sempre fissi a scrutare il Loro orizzonte, riescano finalmente a vedere il suo passo, quello tanto atteso, quello che riporterà gioia negli occhi, calore nel cuore.
Quello che rimetterà la parole in quella smorfia triste che è diventata il suo sorriso.

   3 commenti     di: Giada..


Quanto è necessario...

[continua a leggere...]



racconti virtuali

Per caso una sera, ricevere un messaggio che raccontava tutto di me: così è cominciata l'amicizia con un tocco dato dalla befana e forse un amore, il più importante, avrebbe potuto crescere come un dente di leone che cerca di farsi strada sull’asfalto di città. Così fu il principio, con un breve scambio di parole in una Chat per cuori solitari dove nessuno per abitudine si aspetta nulla e dove non si chiede nulla giacché la distanza a volte è un nemico amico che rende grati quei brevi momenti in cui poter tirare un po’ il fiato.
“Mi piacerebbe molto stupirti... e ricordandoti che hai a che fare con un informatico ^_^ uno di quelli stile CSI... (ovviamente scherzo!) non ti sorprenderai se ti chiamo per nome... tra l'altro molto bello... Emanuela. Lungi da me dal spaventarti... volevo solo trovare un modo originale per invogliarti a fare due chiacchiere con me…. cosa ne pensi? Ah, dimenticavo…. sei nata di domenica ^_^.” E già, ero proprio nata una bella sera di una domenica di ottobre ma come faceva a saperlo? Nel dubbio, dato il mio cocente pessimismo, temevo di essere involontariamente incappata in uno di quei famosi hacker che infestano tanto affettuosamente il web e con tono minaccioso avevo replicato: “Se sei un Hacker non ti conviene mandarmi nei casini il computer dell’università, mi serve ancora!”. Ho sempre adorato le persone che usano le proprie carte migliori per colpire l’altrui attenzione, barzellette ed effetto sorpresa, stupire e lasciarsi sorprendere dalla varietà dei comportamenti, dall’altalena di umori e impulsi che possono esplodere in qualsiasi istante fuori e dentro se stessi. Per tutta la sera era proseguito il dialogo ridendo e scambiandoci opinioni su università, uomini-donne, problemi di informatica finché i sorveglianti non mi avevano quasi cacciato dall’aula visto che stavano per chiudere l’edificio. Ed in extremis, l’asso nella manica: ottenere il tuo indirizzo mail……
Un torrente di montagna

[continua a leggere...]



Giochi di un altro tempo

Tremola la fiammella, della lanterna ad olio, ad ogni minimo movimento.
I muri, della vecchia cucina, emanano un odore stantio di fumo e umidità, e il camino porta ancora le tracce del nero fuligginoso di legna arsa secoli fa.
Scricchiolano le assi, della scala di legno, sotto i passi leggeri di bimbi curiosi.
Si stacca il corrimano, pasto dei tarli, al primo che si appoggia. Al piano superiore, solo finestre e balconi che il tempo ha segnato senza pietà, mentre i vetri rotti lasciano passare spifferi giocosi.
Silenzio!
C'è qualcuno che si muove in soffitta!
Un fantasma... le tavole di legno marcito non reggerebbero un peso umano.
Respiri trattenuti, timorosi, con la voglia di scappare... poi, il solito burlone scoppia in una risata fragorosa... sono topi!
Brividi di orrore, seguiti da un frastuono di scarpe che percorrono la scala a ritroso.
Via, via, via... e finalmente, l'aria fresca di una notte tempestata di lucciole.

   6 commenti     di: Marisa Amadio


Edge of forever

La terra trema, le clessidre si rovesciano. Il peso dei secondi le schianta al suolo senza che nessun corpo sacrifichi sè stesso nell'attutire l'impatto, mentre le nubi si addensano, forse di cattivo umore e presaghe di temporali, forse solamente strappate dai venti alla loro meta e in cerca di un po' di riposo. Così me ne sto lì, nel fallout, a respirare a pieni polmoni il profumo di vetri in frantumi e di strade spazzate via dall'insostenibile peso di una rosa. Ad assaporare ognuno dei minuscoli granelli che dalle ampolle si alzano irrequieti, in balia dell'uragano che li solleva e scuote. Ad osservare la loro danza dipingere il ritratto di parole mai veramente perse, ma impossibili da ritrovare. Di tempi e sogni mai veramente vissuti, ma indelebili nella mente e nel corpo. Lo Yin e lo Yang si celano, in fin dei conti nemmeno troppo sorpresi, dietro un velo di malinconia per il terrore di vampireschi capelli color verde Starbucks, per l'ennesima nebbia parallattica. Demoni delle nevi sussurrano frasi sconnesse riavvolgendo demotape persi nel silenzio colpevole di una notte non segnata su alcun calendario. Vecchie bandiere di Svezia e memoria a decorare il feretro di un cielo in fiamme. Un cielo rovente e purtroppo troppo lontano perchè si possa berne un po' di calore. Un cielo rovente e fortunamante troppo lontano perchè le piogge acide trafiggano la terra dei cimiteri prima di evaporare.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Nostalgia.