PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Racconti storici

Pagine: 1234... ultimatutte

Quei giorni di Settembre Parte 2.

CAPITOLO 7 : L’ULTIMA BATTAGLIA DEL LUPO.

I soldati del Reich avanzano, seppur con evidente difficoltà. Le colline dell’Appennino tosco emiliano non sembrano il terreno più adatto ai loro stivali di cuoio ed il terreno a tratti friabile dei boschi non favorisce il loro equilibrio. A volte chi cade riesce a rimettersi in piedi ed a continuare la propria faticosa salita verso il nemico, ma capita che il soldato tedesco che scivoli sulla finissima ghiaia sotto i suoi piedi sia destinato a non rialzarsi più, falciato dai proiettili che sembrano sputati da una vegetazione desiderosa di dare la più dura delle punizioni agli intrusi che non meritano di essere accolti in essa. Una natura indignata dal sangue che quegli uomini hanno fatto scorrere sotto i loro occhi. Occhi puri, abituati alla lucentezza del sole, al sapore invitante dell’aria pura... assolutamente impreparate a respirare il disgusto del sangue che ha imbevuto le loro radici e corrotto la loro innocenza. Una vegetazione che sembra essersi stancata di fare da spettatore passivo e che ora vuole la sua vendetta.
Le grida di addio alla vita di quella razza che si crede tanto superiore alle altre ed i corpi che rotolano dai declivi sono un pessimo spettacolo per gli altri che restano e che non hanno altra scelta che continuare ad avanzare faticosamente nel grembo di quella natura così bella che vuole solo rigettarli, servendosi dei loro nemici e nascondendoli fra i suoi rami, i suoi cespugli e le sue rocce.
Gli ordini sono chiari: avanzare a qualunque costo. Mai indietreggiare. Mai ritirarsi.
Molti di quei soldati sono poco più che ragazzi. Non hanno mai combattuto una battaglia contro un nemico invisibile. Si sono divertiti ad uccidere per tutta la mattina e tanti loro compagni stanno ancora uccidendo in paese. Sfortunatamente, loro hanno ricevuto l’ordine di rastrellare le colline circostanti per scoprire i rifugi dei loro principali nemici e stanarli. Erano tutti convinti che fosse un compit

[continua a leggere...]



Marianna de Leyva

Desiderato amore mio,
ho ancora il cuore in tumulto. Lo sento battere all'impazzata, così veloce da togliermi il fiato, così forte da rimbombarmi nelle orecchie. Le mani tremano e faccio fatica anche a scrivere, ma devo fissare sulla carta ciò che provo prima che possa dimenticare anche solo una briciola di questa smania.
Di fronte agli occhi ho quel muro che tante volte ho maledetto ed odiato perché mi separava dal mondo, e che ora benedico perché il mio mondo è tutto qui dentro, tra lo stormire degli alberi, l'odore degli agrumi ed il cinguettio degli uccelli. Oggi piove, ma mi è bastato intravedere il tuo viso oltre quel muro per sentire la vampata del sole di agosto.
Come devo sembrarti puerile, quanto infantili ti parranno le mie parole, ma io non so parlare di quell'amore che mi hanno insegnato a temere, e che invece è la più dolce delle torture.
Credevano che rinchiudendomi qua dentro io avrei dimenticato di esistere, ed è invece proprio in questo luogo che, grazie a te, ho iniziato a vivere. E tutta questa vita mi ubriaca, mi stordisce, mi dà la certezza di essere un gradino più in alto della meschinità di coloro che volevano dimenticassi persino il mio nome.
Ma io esisto, vivo, amo.
Da quando il tuo sguardo si è posato su di me sento la vita scorrere impetuosa sotto questo abito creato per mortificare, sotto questo saio che per troppo tempo ho vissuto come una prigione, come l'emblema del mio non esistere. Ed ora non la smetto di accarezzare la stoffa ruvida, il copricapo ed il soggolo soffocante, perché sono loro a preservare il mio corpo per te solo, ad impedire che le mie azioni quotidiane possano sporcare la mia pelle che da te solo vuole e deve essere sfiorata.
Se solo sapessero che mai come ora amo quel Dio che mi hanno imposto! Se solo immaginassero quanta gioia metto nel cantare la Sua gloria, proprio ora che ai loro occhi mi sono macchiata del più impudico dei peccati!
Quella fede che non ho mai avuto, quel Dio che altr

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: Simona Durante


Il buffone

Io sono un giullare. Come? Sì esatto, un buffone. Ma non solo! Sono artista, musicista, menestrello, sognatore e fantasista sotto ogni centimetro della pelle. Sono quel genere di persona che non ha nulla e ha tutto. Che non vive per se stesso ma vive per gli altri. Che sogna storie e immagini luminose come stelle e le racconta a tutti coloro che hanno voglia di abbagliarsi e di sentire gli occhi lucidi. Mi piace saltellare da uno sgabello a una sedia su un piede solo, strimpellare la cetra prima con furore poi con delicatezza, urlare a squarciagola e poi abbassare il tono di voce come se avessi messo la testa in una botte! Ogni oggetto, ogni sensazione, ogni idea, è per me uno stimolo che si trasforma in magia. Un po' come i fiori. Riuscite a spiegare la meraviglia di un bocciolo che improvvisamente si trasforma in fiore? Ecco. Per quanto io non abbia lo stesso profumo (e credetemi, a viaggiare quasi tutti i giorni, non profumo affatto!), cerco di riproporre quella magia con tutto il corpo.
Ho imparato da solo ogni arte che potesse permettermi di agitare tutti i muscoli a scapito di un sorriso, semplicemente osservando e analizzando. Il cammino mi ha condotto da un paese all'altro cantando storie ai fornai la mattina presto, ai giovani bambini delle piazze mercato, ai costruttori delle grandi cattedrali che salivano piano piano nel cielo come a volerlo toccare. Le voci correvano di paese in paese. Mentre cavalcavo il mio piccolo asinello sentivo in lontananza qualcuno che urlava "Arriva il cantastorie!", "Eccolo il buffone!", oppure "Si si è proprio lui! È arrivato!". E ogni volta era un'entrata trionfale. Ho seguito così il flusso della vita fino all'ultimo giorno. Fino a oggi.
Dovete sapere infatti che con fatica e sudore ero riuscito finalmente a diventare giullare di corte in un regno del Nord. Una sera, mentre tornavo dalla solita serenata alla locanda, la strada verso casa mi parve diversa, più lunga, e intrapresi una scorciatoia. I passi div

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Andrew Abel


Il segreto di villa concamarise

La vecchia serva Erminia era l'unica a conoscere il segreto di Villa Concamarise.
Erminia era una donna piccola, vecchia e curva. Si occupava di mansioni secondarie nella villa: in inverno badava che il fuoco non si spegnesse nel grande camino con la cappa sostenuta da due grifoni di tufo. In estate provvedeva a cercare erbe officinali nel grande parco, da usare per i decotti e gli impacchi.
La villa era grande e servi e serve giovani si occupavano dei lavori pesanti. Preparavano i cibi nella grande cucina che aveva la parete occupata da pentole in rame. Accudivano i cavalli nelle scuderie, gli animali nella stalla; in estate falciavano le messi, in autunno facevano la vendemmia. Inoltre nelle dependance c'erano falegnami per aggiustare carri e botti; fabbri per la manutenzione di portoni, serrature e per forgiare alabarde e spade; maniscalchi per ferrare i cavalli. E poi ancora tessitori, lavandaie, cameriere...
Erminia non aveva la forza per dedicarsi a queste attività. I suoi compiti erano di secondaria importanza, con una eccezione.
Due volte al giorno, la vecchia saliva il grande scalone col soffitto affrescato per arrivare al piano superiore. Da lì seguiva una scala di servizio per arrivare ai granai. Attraverso alcune stanze oscure stipate di ferraglia e oggetti in disuso, arrivava a una scaletta di legno con in fondo una porticina chiusa che immetteva nella torre Est. Questa era una cameretta con il pavimento di mattoni e finestre a bifora su due pareti. In quel posto era custodito il segreto della villa e questo segreto si chiamava Isabella.
Proprio così. Una fanciulla bella e bionda viveva rinchiusa lassù dove trascorreva le lunghe giornate da sola, senza nessuna compagnia. Fra la servitù, solamente la vecchia sapeva della sua esistenza e aveva ricevuto dal Conte Ottavio, il compito di accudirla. Portava gli avanzi dei cibi dalla cucina, peraltro abbondanti, cambiava l'acqua nel secchio di rame, portava dabbasso e svuotava i recipienti sporchi.

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: sergio bissoli


Antorcha hija del diablo y el inquisidor cap 2

Cap 2 seconda ora

Dopo poche settimane mi ritrovai, assistito da un drappello di armigeri reali al mio servizio, e coadiuvato da due giovani monaci, ad istituire il mio primo Autodafè ; espletati i riti pregiudiziali, accolte le confessioni spontanee dei convertiti, ascoltate le denunce dei prelati e dei cittadini testimoni, riuscii a “condannare” con pene veramente “blande” un ridottissimo numero di “non-pentiti”, e comunque non andai oltre la fustigazione e la gogna, esterrefatto da queste procedure che sembravano indurre al piacere i “colleghi” inquisitori che operavano in città e borgate limitrofe.
E così, lasciavo trascorrere i miei giorni, la sera, nell’alloggio destinatomi, tiravo fuori dal mio baule le carte dei miei studi, e, rinchiuso fra il mio cervello il mio cuore e quelle fonti di sapienza, chiedevo perdono all’umanità per il mio ossequioso comportarmi.
Tutto, quindi, rinchiuso in un cerchio; dare ai miei “superiori” l’immagine di un coscienzioso lavoro di pulitura della fede, dare ai miei armigeri ed ai miei assistenti, l’idea che la giustizia non necessita necessariamente della violenza estrema, dare a quei cittadini spauriti e invasati dalla presenza del “Male”, l’illusione che la presenza dell’inviato vaticano, avrebbe pulito e immunizzato le loro terre e le loro genti.
Poi, però, un giorno, mi fu condotta, quasi facendola strisciare per terra, una donna, scarmigliata, sporca, le vesti in più punti stracciate, con profondi graffi sulle mani, sulle braccia, sulle ginocchia e gambe e piedi, un vero spettacolo di ribrezzo, tracce evidenti di urina e feci sulle vesti e sulle gambe…. eppure, quando alzati gli occhi da terra, senza un lamento, senza un urlo, senza un’ingiuria o una maledizione, li ha diretti nei miei… ebbi un colpo, un brivido misto di sorpresa e delusione, nonostante lo stato aberrante nel quale versava, questa donna aveva negli occhi una espressione fiera, di dignità mai scalfita.

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: luigi deluca


Don Giuseppe Puglisi: la forza del garbo

Chissà se esiste una relazione del tutto trascendente fra persone tra loro sconosciute, vissute in luoghi e in epoche differenti, ma accumunate dal coraggio e segnate dal medesimo destino?
Cosa hanno in comune il vescovo salvadoregno Óscar Arnulfo Romero e il sacerdote palermitano don Giuseppe Puglisi?
Entrambi furono assassinati, in virtù della loro testimonianza: Óscar Arnulfo Romero fu trucidato con una pallottola che gli recise la vena giugulare, mentre stava elevando l'ostia; Giuseppe Puglisi fu soppresso con un colpo di pistola alla nuca, mentre stava rientrando nella propria abitazione.
Con atteggiamento profetico il vescovo salvadoregno annunciava: "Un vescovo potrà morire, ma la Chiesa di Dio, che è il popolo, non morirà mai".
E come non estendere tale formulazione anche a don Puglisi e a tutti i martiri della Chiesa?
Può una pallottola mettere a tacere la voce univoca della Comunità cristiana?
Presto Don Giuseppe sarà beatificato per poi essere elevato all'onore degli altari come primo martire della mafia, deceduto in odio alla fede.
La cronaca nera rilevava che il 15 settembre 1993 il corpo di don Giuseppe giaceva a terra, privo di vita.
3P (acronimo delle iniziali Padre Pino Puglisi) veniva chiamato così dai suoi parrocchiani, terminava la sua avventura terrena il giorno del suo 56° compleanno.
Una strana coincidenza... eppure un altro elemento conferisce alla vicenda un significato un po' particolare: il giorno dell'omicidio don Puglisi indossava un clergyman, anziché la solita camicia a scacchi.
A qualche parrocchiano che glielo aveva fatto notare, don Giuseppe aveva spiegato che quel giorno doveva celebrare più matrimoni. A me piace pensare che il Signore lo abbia chiamato a sé, abbigliato con il suo abito migliore, in vista dell'imminente unione mistica con quell'anima devota.
Forse qualcuno potrebbe chiedersi: qual è il confine tra il dovere deontologico e il valore aggiunto della santità?
Perché la mafia ha inviat

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Fabio Mancini


Servo di un Dio

Lo schiavo alzò sollevò lo sguardo al cielo, dalla sabbia sotto i suoi piedi.
Quello sarebbe stato l'ultimo. L'ultimo enorme blocco della grande tomba che gli schiavi stavano costruendo ormai da vent'anni.
La tomba di un Dio.
Lo schiavo non sentiva più la fatica, abituato com'era a lavorare senza sosta dall'ora in cui si svegliava fino alla sera, quando il sonno prendeva il sopravvento. Le piccole pause per mangiare qualche frutto secco o per dissetarsi erano talmente brevi che quasi costavano più sforzo che il semplice continuare a lavorare. I tamburi, suonati da coloro che erano stati tanto fortunati da nascere con menomazioni che impedivano il lavoro, o storpiati da gravi ferite, scandivano cupamente ma con costanza il ritmo del suo lavoro e di quello dei suoi innumerevoli compagni.
Si può dire senza sbagliare che tutti si somigliavano, dopo aver vissuto in quella maniera per parecchi anni. Lo schiavo, come tutti gli altri, aveva la testa completamente rasata, in parte per poter sopportare meglio il caldo torrido, in parte perché comunque non sarebbero cresciuti molti capelli sulla cute colpita spesso dalle fruste e continuamente abrasa dal vento sabbioso. L'unico vestito che gli schiavi indossavano, sia durante il lavoro che nel pieno della notte, era un semplice straccio portato intorno alla vita, che bastava a malapena a coprire le parti intime. La corporatura era spesso esile, per via delle continue privazioni, ma mostrava un ben definita muscolatura secca e asciutta.
Mentre lo schiavo, assieme ad altri dieci compagni, trascinava l'ultimo blocco che avrebbe composto la piramide, un terribile senso di oppressione e ansia si impadroniva di lui. Sapeva che quell'ultima parte, la punta, era completamente coperta d'oro, e che la responsabilità sarebbe ricaduta su di lui e su tutto il resto della famiglia se fosse rimasta danneggiata, o peggio, se fosse caduta. Quello che lo schiavo temeva di più non erano le fruste dei padroni, a cui ormai era abituat

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Racconto storico.