username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Histrion

Nessuno mai osò scrivere questo,
ma io so come le anime dei grandi
talvolta dimorano in noi,
e in esse fusi non siamo che
il riflesso di queste anime.
Così son Dante per un po' e sono
un certo Francois Villon, ladro poeta
o sono chi per santità nominare
farebbe blasfemo il mio nome;
un attimo e la fiamma muore.
Come nel centro nostro ardesse una sfera
trasparente oro fuso, il nostro "Io"
e in questa qualche forma s'infonde:
Cristo o Giovanni o il Fiorentino;
e poi che ogni forma imposta
radia il chiaro della sfera,
noi cessiamo dall'essere allora
e i maestri delle nostre anime perdurano.

 


5 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • augusto villa il 18/01/2013 16:07
    Martedì 22 gennaio 2013 a Milano. Palazzina Liberty ore 18 verrà presentato questo autore... Verranno lette e discusse alcune sue opere... Daiiiii!!!... forza... forza!!!... Non mancate!
  • Giulia Gabbia il 04/10/2011 10:14
    Un'opera degna d'essere letta...
  • ELISA DURANTE il 03/02/2011 09:41
    Vitalità eterna della Cultura, del Sapere, della Poesia con cui entrano in empatia i nostri cervelli e cuori...
  • il 11/12/2010 18:23
    Grandissima poesia.. scritta magistralmente
  • Roberta Berardi il 08/11/2009 15:06
    Questo è il genio!