username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

O falce di luna calante

O falce di luna calante
che brilli su l’acque deserte,
o falce d’argento, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!

Aneliti brevi di foglie,
sospiri di fiori dal bosco
esalano al mare: non canto non grido
non suono pe ’l vasto silenzio va.

Oppresso d’amor, di piacere,
il popol de’ vivi s’addorme...
O falce calante, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!

 


7 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuseppe gianpaolo casarini il 13/04/2013 09:09
    Grande lirica del grande Gabriele...
  • il 17/11/2010 14:05
  • Laura cuoricino il 11/09/2010 11:39
    Particolare immagine di luna calante, lascia una particolare emozione...
  • il 09/05/2010 17:29
    Non male neanche la moa Luna calante, che potete leggere qui:
    http://www. poesieracconti. it/poesie/opera-29842

    Senza togliere nessun merito a Gabriele, naturalmente...
  • Giacomo Pilia il 15/02/2010 19:09
    D'Annunzio era un genio. Punto.
  • il 08/01/2010 20:34
    Non è una poesia ma un quadro in cui immergersi.
  • Sandrino Aquilani il 03/01/2010 14:33
    Proprio una bella immagine.