username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Davanti a San Guido

pagine: 123

I cipressi che a Bòlgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti
Mi balzarono incontro e mi guardar.

Mi riconobbero, e "Ben torni omai"
Bisbigliaron vèr' me co 'l capo chino
"Perché non scendi? Perché non ristai?
Fresca è la sera e a te noto il cammino.

Oh sièditi a le nostre ombre odorate
Ove soffia dal mare il maestrale:
Ira non ti serbiam de le sassate
Tue d'una volta: oh non facean già male!

Nidi portiamo ancor di rusignoli:
Deh perché fuggi rapido così?
Le passere la sera intreccian voli
A noi d'intorno ancora. Oh resta qui!"

"Bei cipressetti, cipressetti miei,
Fedeli amici d'un tempo migliore,
Oh di che cuor con voi mi resterei"
Guardando lor rispondeva, "oh di che cuore!

Ma, cipressetti miei, lasciatem'ire:
Or non è più quel tempo e quell'età.
Se voi sapeste!... Via, non fo per dire,
Ma oggi sono una celebrità.

E so legger di greco e di latino,
E scrivo e scrivo, e ho molte altre virtù:
Non son più, cipressetti, un birichino,
E sassi in specie non ne tiro più.

E massime a le piante". Un mormorio
Pe' dubitanti vertici ondeggiò
E il dì cadente con un ghigno pio
Tra i verdi cupi roseo brillò.

Intesi allora che i cipressi e il sole
Una gentil pietade avean di me,
E presto il mormorio si fe' parole:
"Ben lo sappiamo: un pover uom tu se'.

Ben lo sappiamo, e il vento ce lo disse
Che rapisce de gli uomini i sospir,
Come dentro al tuo petto eterne risse
Ardon che tu né sai né puoi lenir.

123


5 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 22/02/2012 19:11
    Ritrovo il Nobel! E vinto dalla nostalgia, lacrime solcano il volto, nel rintanarmi in un passato che non torna. Oblio mai sarà! Ognuno ha dei cipressi da rimpiangere, delle marachelle... il luogo natio... le gioie... e a volte i ceffoni... (Oh non facean già male...)anzi, siam ormai uomini, con loro. Carducci, Carducci, solo, con tali versi, è sublime l'invito a voler ritornare bambini...!!! E forse, ritornare a sorridere...
  • il 18/07/2011 22:18
    Bellissima questa poesia. La ricordo ancora dopo 20 anni che ho finito la scuola. L'ho imparata in 3° media e ricordo ancora la forte emozione recitarla... in gita con la scuola, propio mentre percorrevamo il famoso viale recitato nella poesia.
    Mi ha lasciato dentro un bellissimo ricordo... e quella gita mi rende ancor oggi nostalgica.
  • Piero Simoni il 11/01/2010 00:07
    Bellissimo dialogo tra il poeta e i cipressi! Attraverso queste strofe conosciamo parte della sua vita e dei suoi pensieri.
  • giancarlo milone il 13/08/2009 16:27
    bellissima, armonica
  • il 17/02/2009 13:10
    Quanti ricordi legati a questa poesia, ma io adoro Carducci ed è anche per questo che l'ho inserita..