username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Cecala d'oggi

Una Cecala, che pijava er fresco
all'ombra der grispigno e de l'ortica,
pe' da' la cojonella a 'na Formica
cantò 'sto ritornello romanesco:
- Fiore de pane,
io me la godo, canto e sto benone,
e invece tu fatichi come un cane.
- Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:
- rispose la Formica -
nun t'hai da crede mica
ch'er sole scotti sempre come er foco!
Amomenti verrà la tramontana:
commare, stacce attenta... -
Quanno venne l'inverno
la Formica se chiuse ne la tana.
ma, ner sentì che la Cecala amica
seguitava a cantà tutta contenta,
uscì fòra e je disse: - ancora canti?
ancora nu' la pianti?
- Io? - fece la Cecala - manco a dillo:
quer che facevo prima faccio adesso;
mó ciò l'amante: me mantiè quer Grillo
che 'sto giugno me stava sempre appresso.
Che dichi? l'onestà? Quanto sei cicia!
M'aricordo mi' nonna che diceva:
Chi lavora cià appena una camicia,
e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • savino rabotti il 20/10/2011 16:37
    tutto come ai giorni nostri
  • savino rabotti il 12/10/2011 16:48
    Cicale o escort, cosa cambia? I grilli ci sono sempre.
  • Terry Di Vetta il 10/02/2011 14:57
    Molto bella, mi ha fatto ricordare una poesia che non ricordo di chi sia ma da bambina mi piaceva tanto: "Na' vorta na' farfalla mezza nera e mezza gialla, se posò su na' viola, senza manco salutalla, senza dije na' parola, la viola dispiaciuta d'esse tanto trascurata, je lo disse chiaramente:quanto sei maleducata, mai pijato gnente gnente per un piede de insalata?! Io so' er fiore più grazioso, più odoroso de' sto monno, nun'm'emporta de sta accanto all'ortica e all cicoria, nun'me preme, nun'ciò boria, vado in mano alle signore, appassita so' un ricordo, tu d'altronte sei na' bestia nun capisce queste cose... La farfalla jar'rispose: Accidenti che modestia!!!"