username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'onestà de mi' nonna

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po' se troveno l'amante...
Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito!

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
che je voleva fa' lo spasimante
je disse: - V'arigalo 'sto brillante
se venite a pijavvelo in un sito. -

Un'antra, ar posto suo, come succede,
j'avrebbe detto subbito: - So' pronta.
Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;

anzi je disse: - Stattene lontano... -
Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,
ancora ce se mozzica le mano!

 


7 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 04/01/2013 13:58
    Tua nonna sì ch'era 'n homo
  • il 04/01/2013 13:58
    Tua nonna sì ch'era 'n homo
  • giuseppe gianpaolo casarini il 26/08/2012 20:53
    fine ed arguta con quei versi finali
  • savino rabotti il 20/10/2011 16:36
    oggi non fanno in tempo a morsicarsi la mano
  • Rovena Bocci il 21/04/2011 18:38
    ... Ce se mozzica la mano! Altro che storie! A pensarci bene, vedere il loco, si sarebbe potuto fare... e decidere dopo, semmai.
  • il 09/01/2011 21:57
    Anche l'onestà ha un prezzo!
  • MARIANO PROCOPIO il 09/09/2010 01:04
    chissa quant'altre nonne cjan el morso nella mano - come sarà pe ste giovini passato quarche anno - si'sse potesse vive cor senno del poi - più gnente pentimenti e meno guai.