accedi   |   crea nuovo account

I gatti, le volpi, minchia quanti mangiafuoco e quanti poveri burattini

Zappingando alla televisione
non avendo null'altro da fare,
l'altra sera ebbi la sensazione
di un programma ch'era da vedere.

Una farsa come altre mille
dove vedi opposti schieramenti
litigare insomma far scintille
noi a guardarli come deficienti.

Ed ognuno le proprie rimostranze,
sempre l'altro è quello che c'ha torto
e noi invece... le nostre speranze
dei miraggi in mezzo ad un deserto.

Sarò stupido ma non ho mai capito
che vuol dire programma a cosa vale
stanno tutti lì a puntare il dito
pronti solo e soltanto a farsi male.

Se non nullo il cambiamento è poco
come stampe o cloni cari cittadini
s'assomigliano son tanti mangiafuoco
noi pinocchi sembriamo burattini.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 09/06/2016 09:56
    Acuta e saggia nel contenuto, bellissima nella forma. Bravo!
  • Rocco Michele LETTINI il 09/06/2016 07:49
    SCUSAMI... ABILI QUARTINE...
    CIAO.

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 09/06/2016 07:48
    UN ACUTO ET... IRONICO VERSEGGIO ENCOMIABILMENTE COSTRUTTO IN ABILI QUALRTINE.
    LIETA GIORNATA ANDREA.
    *****

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0