PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Silenzi indiscreti

Adagiato sul morbido tappeto del dolce far nulla,
mi arriva l'eco di lontani ricordi.
Gioie e dolori riaffiorano improvvisi dalle oscene oscurità del tempo.
Ci sono ferite che possiamo tamponare,
drogare con l'astuzia del presente,
ma che non guariranno mai.
Saranno sempre lì,
in agguato,
pronte a ricordarci chi siamo veramente.

È nel silenzio della solitudine,

nella quiete del riposo fisico e mentale,

che scopro realmente chi sono,

di quali mali soffro,

con quali sentimenti nutro il mio cuore.

È nel chiassoso cortile dei miei dubbi,
che scopro quanto piccola e debole è la mia vita,
quanto imperfetto e meschino è il mio esistere,
quanto difficile è il sapere di esserci.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0