PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

il riflesso sfocato dell'ignoto

Sento che l'alba s'appoggia in silenzio
sulla mia pelle
e che ogni attimo di luce più intenso
è un sorriso freddo ad un buio
incipriato d'addio.
Si fanno specchio dentro di me
i sogni inventati tra le nuvole
e mentre il primo sole s'infila
tra le viti e gli orti,
lo sguardo spaventato della luna
affoga tra le geometrie
delle strade.
Vedo il mio volto sospeso
nelle sfumature del cielo.
Le rughe scalano tramonti
sconfitti
e dalle antiche radici di un orizzonte
penzolano stagioni chiuse
in valigia.
Anche l'infinito ha bisogno
del mio respiro.
Ed io che ho una vita
da lasciare alle stelle,
mi lascio incidere nell'anima
il riflesso sfocato
dell'ignoto.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • laura cuppone il 11/11/2008 23:41
    noi stessi siamo il nostro ignoto...
    soli
    e stelle...
    bellissima...
    ciao

    Laura
  • Adamo Musella il 11/11/2008 21:44
    Quel volto ci rende unici, un punto che può sembrar piccolo ma che diviene infinito con l'umanità che respira. Davvero bella Michela baci
  • Michelangelo Cervellera il 11/11/2008 20:36
    .. anche l'infinito ha bisogno del mio respiro...
    un verso che da solo è poesia.
    Molto bella Michela,
    Michelangelo
  • Anonimo il 11/11/2008 20:22
    I miei complimenti... Bellissima poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0