accedi   |   crea nuovo account

Là, dove il mare… (19/10/2001)

Là, dove il mare è profondo,
fondo, fondo;
là, dove le onde si rincorrono,
corrono, corrono:
e le luci si disperdono
e lo sguardo si dirada,
si fa chiaro;
e l’amor mi raggiunge
col suo dolce sovvenir.
Là, dove il mondo ti dimentica;
là, dove il sole ti colpisce
col suo chiaror;
là, dove un lampo ti pervade
col suo baglior,
e in un abbraccio ti rapisce.
Là, dove l’oblio ti sommerge
con la sua luna;
là, dove il mondo ti abbandona
con la sua fine:
là voglio riposare,
e perdermi rapito
nel Sole: nell’amore infinito.

 

l'autore Emanuele Marcuccio ha riportato queste note sull'opera

Pubblicata per la prima volta il 26 marzo 2009, nella mia raccolta "Per una strada", Sbc edizioni.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Emanuele Marcuccio il 14/10/2010 04:37
    Ecco a voi l'esperto commento che ne ha fatto il critico letterario Luciano Domenighini, che mi ha voluto donare il primo profilo critico: "È una composizione di ventidue versi a metro libero, di tre periodi, ad andamento altalenante, automatico, poggiato su sette iterazioni ( là dove...) legate da un polisindeto di sei elementi, che si apre con una doppia geminazione al secondo e al quarto ( fondo, fondo; corrono, corrono) in rima derivativa sui versi precedenti. Un'apocope chiude il primo periodo al nono verso (sovvenir) e l'apocope si ripresenta al secondo periodo sul dodicesimo(chiaror) e quattordicesimo (baglior) con effetto liquido, dissonante.
    L'ultimo periodo ha toni visionari ma luminosi, di paradisiaca, solare apocalisse.
    Anche qui Marcuccio dimostra sicuro istinto poetico.
    È la poesia dove meglio si palesa l'attitudine del poeta a ricorrere alle figure iterative e la sua abilità nell'elaborarle. In questi 22 versi Marcuccio intesse un ordito ammirevole, disponendo in alternanza una triplice sequenza di versi anaforici ("Là dove" (8 volte), "col" (5 volte), " e" (5 volte), con due versi (2° e 4° di pura geminatio, e il verso finale che raddoppia lo stato in luogo.
    Il magistrale impiego di queste figure retoriche conferisce alla lirica un andamento cullante, ascendente, perfettamente equilibrato".

    Da: http://www. joetiziano. it/Luciano Domenighini - La metrica spontanea e raffinata di E. Marcuccio. htm

    Potrete scaricare il bando del concorso internazionale di poesia che ho scritto sul sito dell'associazione "Romantic Museum" (www. romanticmuseum. it), nella sezione "Eventi".
  • Emanuele Marcuccio il 10/09/2010 17:00
    Ho finito di scrivere il bando del concorso internazionale di poesia, organizzato dall'associazione che mi ha voluto come responsabile della sezione poesia:
    http://www. facebook. com/pages/Rom... antic-Museum/292220517371? v=info&ref=ts
    E, proprio una sezione del premio (la "B" l'ho dedicata al mare, aggiungendo una nota di commento che ho scritto proprio per "Là, dove il mare...": "Il mare del nostro dolore, il mare dei nostri pensieri, il mare della nostra anima, il mare dei nostri sogni...
    Il mare che a volte ci intrappola in un vortice di problemi e di pensieri, il mare che in un maremoto ci sbalza via dalle nostre sicurezze e come un ladro ci depreda".
  • Emanuele Marcuccio il 12/07/2010 10:17
    Grazie, già un'associazione artistica e culturale della mia città mi vuole come responsabile del settore poesia e organizzatore, curatore del bando del prossimo concorso di poesia!
  • A. SOFIA il 12/07/2010 09:15
    Complimenti per il premio...
    Continua, vedrai che altri premi ti saranno attribuiti...
    Bravo
  • Emanuele Marcuccio il 12/07/2010 07:50
    In data 8/7/2010 ho ricevuto la menzione d'onore (nella sez. B), al "I premio internazionale d'arte Europclub Messina - Taormina 2010":
    http://studiolegale5. vpsite. it/-menzioni-d-onore--e-premiati. html
  • Emanuele Marcuccio il 18/05/2010 14:25
    Sabato scorso mi è stato comunicato che, proprio con questa poesia sono tra i sei finalisti nella sezione B (poesia singola sperimentale ispirata al tema "il mare nel conscio ed il mare dell'inconscio" per l'assegnazione del "I° premio internazionale d'arte Europclub Messina Taormina", che si terrà a Taormina dal 5 all'8 luglio 2010:
    http://www. europclub. eu/bandoIpremiointernazionale. html
  • luciano tagliapietra il 21/04/2010 07:54
    il mare immenso, il mare che ti bagna, il mare che ti sommerge, il mare che ti chiama, il mare che contiene il segreto delle origini della nostra vita.
    luckyluciano
  • A. SOFIA il 26/01/2010 13:46
    poeticamente è valido il troncar le parole importanti...! bravo mi piace
  • Emanuele Marcuccio il 13/10/2009 11:19
    Pubblicata per la prima volta il 26 marzo 2009, nella mia raccolta "Per una strada", Sbc edizioni.
  • Emanuele Marcuccio il 07/10/2009 16:25
    @Rocco: Se fai attenzione, l'andamento di lettura, si alza e poi si abbassa, proprio come le onde del mare, se non avessi troncato in quei punti, ci sarebbe un altro suono.
    Se tronco, non lo faccio per puro caso o per metrica, ma per la musicalità e la scorrevolezza nella lettura.
  • Emanuele Marcuccio il 29/06/2009 22:05
    Sarebbe un altro suono!
  • Rocco Burtone il 29/06/2009 10:44
    Chiaror, baglior... meglio non tagliare. Che ne dici? Chiarore e bagliore!
  • K. Lear il 28/05/2009 13:37
    Molto bella!! Quell'amore infinito lo identifichi in spazi "purificati", in quanto chiari o solitari.. Complimenti, a rileggersi!!
  • Vincenzo Capitanucci il 02/03/2009 02:02
    Bellissima... Emanuele... il mare è un vero pozzo... fondo.. fondo... ed in fondo nel profondo... brilla il Sole... d'UN AMORE INFINITO...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -