PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Recitare

È il teatro
la mia seconda anima,
la casa dei
sogni perduti e ritrovati.
Il palcoscenico, un viale,
dove percorro la strada
dell’immaginazione,
liberando farfalle
in emozioni del cuore.
Sono io
e mille altri volti ancora,
camaleontica creatura,
muto le sembianze
indossando maschere.
Istrionica, brillerà
la commedia
del fuoco sacro
ardente in me,
del personaggio che vivrò,
parlo, piango,
e forse di esso riderò.
Scorre dentro di me
la teatralità,
non perdendo
il senso della realtà,
recito ogni giorno
la vita,
con il viso pulito,
dal trucco nettato,
fino a quando
calerà il sipario,
sull’ultimo atto.

.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Fabio Mancini il 07/09/2009 22:43
    Molto bella la chiusa. Fabio.
  • M. Vittoria De Nuccio il 07/09/2009 17:38
    Molto bella...
  • Anna G. Mormina il 07/09/2009 16:01
    ... bella, ... brava!!!
  • Anonimo il 07/09/2009 14:27
    ti invidio... una seconda anima dove potersi rifugiare... nell'illusione di sentirti vivo... bellissima
  • Giuseppe Bellanca il 07/09/2009 11:17
    Anima di poeta e di attrice, dai mille volti e dal cuore tenero e traboccante d'amore. Bravissima Loretta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0