PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Censura

Sembrava un rinomato
forno, è un nasino turato

Io censuro solo
l'ipocrisia e la mala fede
le censuro stendendole al sole
dove ognuno le vede
se vuole

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 01/04/2010 18:04
    In questi tempi di censura accolgo la tua poesia con vero piacere.

  • Nicola Saracino il 24/09/2009 23:07
    Sì Giuseppe. Anche il forno-nasino è una convergenza parallela, come dici tu... ma molto, molto meno poetica. Persino meno che prosaica. Come la censura, tale nasino-forno nasconde un pensiero asfittico dietro alla sua grande bocca aperta. N
  • Giuseppe ABBAMONTE il 24/09/2009 19:54
    La censura con l'esposizione, che consente a tutti di vedere ciò che è censurato, ... ma solo se si vuole.
    È un po' come... le convergenze parallele, ma molto, molto più poetico.
    Ciao Nicola, grazie di donarci immagini così belle.
    Giuseppe
  • Vincenzo Capitanucci il 20/09/2009 10:23
    C'è usura... ipocrisia e mala fele... da non occultare... ma da stendere... al Sole... agli occhi di Tutti...
  • sabrina balbinetti il 19/09/2009 22:45
    sincerità e trasparenza sono il passaporto per vivere bene!
  • Anonimo il 19/09/2009 21:20
    Ipocrisia e mala fede in prima pagina!!
    Bravo e bella!!
    Dani

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0