PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Canto solitario del poeta morente

Verso piogge di lacrime
Sulla tua lapide di marmo
Tra vari fiori di vita spenti
Piango, piango la tua morte
Rammento le tue belle stagioni
La tua voce che nulla celava
La tua voce che mai si fermava

In ginocchio sul tuo mausoleo
Soffro la perdita della tua compagnia
Non l'unico son stato
Ma così tanto amore provavi
Che a chiunque un po' ne lasciavi
Amavi ognuno in modo diverso
E la tua voce esprimeva
Il meglio di quell'unione.

 

l'autore Andrea Contenti ha riportato queste note sull'opera

Calcinelli, 21 marzo 2005


0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • denny red. il 16/04/2010 01:23
    bravo!! andrea.
  • Anonimo il 15/04/2010 18:48
    Credo che t'ispiri a Leopardi... Bravo è un grande!
  • francesca cuccia il 15/04/2010 16:47
    Scende una lacrima trai ricordi, dolcissima nel suo insieme, complimenti.
  • loretta margherita citarei il 15/04/2010 16:45
    molto sofferta, bei versi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0