PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poetando sull'amore malato

Un grido soffocato in gola,
ti guardo e non ti riconosco...
Eri un principe d'altri tempi.
Fiori, gentilezza,
carezze e mille attenzioni
mi hai donato.
Regina del tuo mondo
mi hai incoronata.
A te mi sono abbandonata
e tu nella mia vita
sei penetrato.

Dopo un po' non c'eri più...

Un mostro ha sostituito l'uomo.
Non più carezze e gesti d'amore,
solo solchi nell'anima.
Negli occhi la luce si è spenta
si è acceso il buio pesto,
l'amore lasciava il posto all'orrore.
Poi hai sporcato mia sorella,
piccolo candido fiore.

Improvviso, quel grido soffocato
è uscito come un urlo
che ha squarciato la mia gola!

 

l'autore Cinzia Gargiulo ha riportato queste note sull'opera

Questo testo nasce dal racconto di una donna che mi confidò la sua storia. Ho voluto riferirla in prima persona per enfatizzare il dolore che ogni donna potrebbe provare in una situazione simile.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/02/2016 13:13
    Un plauso floreale per quets tua eccezionale!

39 commenti:

  • vasily biserov il 30/08/2010 17:22
    non ci sono parole... giusto quello che scrivi, un ottima denuncia!
  • Kartika Blue il 20/08/2010 08:56
  • Donato Delfin8 il 19/08/2010 21:12
    Perchè ? Perché bisogna essere un po' diciamo distratti se non si leggono le note dell'opera proprio mentre si scrive il proprio commento.
    Magari te le riporto così le vedi meglio!
    "Questo testo nasce dal racconto di una donna che mi confidò la sua storia. Ho voluto riferirla in prima persona per enfatizzare il dolore che ogni donna potrebbe provare in una situazione simile."
    e se andrai a leggere la mia opera che riporta la stessa tipologia di opera ti ricordo che per ora non sono andato a Casablanca
  • Salvatore Cipriano il 19/08/2010 20:55
    Purtroppo le persone cambiano, e possono pervertirsi, ma quel che ha fatto a tua sorella merita vendetta!, Che aspetti a cacciare dalla tua vita questo mostro?
  • Ada FIRINO il 15/08/2010 14:05
    Tema terribile ed attualissimo, purtroppo! Descrivi bene dolore rabbia senza trascendere, lasciando spazio alla sofferenza che esplode in un urlo liberatorio. Complimenti Cinzia!
  • Laura cuoricino il 14/08/2010 22:33
    Un tema difficile e sconvolgente quello che hai toccato peticamente ed umanamente!
    Poesia molto bella nella struttura e nella musicalità, tremendamente intensa e drammatica nel contenuto, ricca di verità, di dolore...
    Mi sento vicina come donna e come essere umano, semplicemente!
    Complimenti vivissimi, sei stata magnifica, umana, vera!
  • Cinzia Gargiulo il 06/08/2010 00:47
    Grazie per i commenti e per i preferiti...

    Un grazie particolare a Delfin8... 88... 3...^^
  • Anonimo il 28/07/2010 10:06
    Mio Dio Cinzia, ho ancora i brividi mentre scrivo queste parole. Noi "uomini" sappiamo essere barbari e spietati e rubare l'anima agli angeli. Hai saputo trasmettere tutto il dolore e l'orrore. Grazie...
  • Anonimo il 25/07/2010 15:54
    Molto diretta, d'impatto... Si sente tutta la violenza che un tale cambiamento, un tale evento più avere sull'anima. Molto bella
  • Sabrina Ginaldi il 20/07/2010 21:38
    Molto forte, bellissima e poi mentre leggevo sentivo qualcosa nel petto, come se mi venisse a mancare il respiro...è terribile, anzi orribile un mostro così!!!!
  • bruno saetta il 16/07/2010 15:10
    Bellissima e terribile nello stesso tempo!
  • - Giama - il 14/07/2010 07:41
    Quando sono di fronte ad una poesia come questa provo una sensazione particolare che mi "spezza" il respiro... e il cuore dventa per un momento aritmico, quando penso a quell'urlo soffocato della chiusa!
    È chiaro che ci si trova a leggere una sensibilità superiore che qualsiasi polemica legata ai commenti non riesce minimamente ad intaccare...
    Tutti i più vivi complimenti per la composizione e un abbraccio affettuoso per aver interpretato splendidamente, in poesia, il dolore!
    Giacomo
  • Annamaria Ribuk il 12/07/2010 12:07
    .. cos'è la vita senza Amore????... un orrore... povero quel mostro che non sa più Amare...!
    molto bella...!!!!!!!!!!!!... Ann!
  • Giacomo Scimonelli il 11/07/2010 23:17
    mi adeguo... poesia bellissima... hai trattato un tema così importante con tatto ed eleganza... bravissima
  • Anonimo il 11/07/2010 20:52
    Brava Cinzia, l'amore purtroppo è anche tristezza, disillusione e se arriva a commettere brutte azioni non può più certo chiamarsi amore... . Un caro saluto
    Giovanna
  • Aedo il 11/07/2010 19:43
    Conosco Cinzia da moltissimo tempo: è una persona meravigliosa, che non merita tali attacchi personali. Vorrei ricordare che nel nostro meraviglioso sito tutti ci dobbiamo limitare a commentare unicamente le poesie, rispettando le persone. È un principio, a cui ci dobbiamo assolutamente attenere.
    Complimenti, Cinzia, per la tua testimonianza.
  • Anonimo il 11/07/2010 19:03
    Mi scuso nuovamente, poesia molto intensa ed emotivamente di grande presa. Brava ad avere trattato argomento così forte. B. B.
  • Donato Delfin8 il 11/07/2010 18:33
    Atteniamoci all'opera.
    Evitando supposizioni di qualunque tipo.
    Un saluto a tutti.
  • Giacomo Scimonelli il 11/07/2010 17:56
    Cinzia sono veramente senza parole... chiedo scusa a tutte le donne che nella vita hanno subito tali vigliaccate da parte di individui senza coscienza... in poesia siamo liberi di trasmettere anche le sensazioni altrui come fai tu... ma arrivare a dire che è autobiografica c'è ne vuole...è poi... anche se fosse ci vuole tatto... molto tatto... complimenti amica x la tua splendida poesia... e continua a trattare temi importanti come questo... nella mia poesia ''Donna''condanno uomini come l'animale che hai descritto tu nella tua opera... a volte mi vergogno di essere uomo
  • Fernando Biondi il 10/07/2010 21:58
    amarezza e rabbia
    espressa in versi belli e vissuti,
    complimenti cinzia
    sei sempre più brava
  • Anonimo il 10/07/2010 14:18
    bellissimi versi, vissuti per empatia... e codificati egregiamente, brava Cinzia!
  • Don Pompeo Mongiello il 10/07/2010 09:35
    Io giudico la poesia non tanto dal contenuto, che comunque trovo bello, ma soprattutto dalla musicalità e composizione poetica, che addirittura trovo straordinario. Per cui le cattive lingue, i poeti non poeti li lascerei bruciare nel loro proprio fuoco.
  • Giuseppe Bellanca il 10/07/2010 09:05
    Signori si nasce non lo si diventa.
  • Anonimo il 10/07/2010 07:22
    È chiaro dalla nota il coinvolgimento psicologico avuto dopo
    una confidenza, un argomento scottante e situazioni che
    purtroppo persistono ancora nella nostra società. Terribile
    vivere e sostenere una vita con questi orrori in famiglia...

    bellissima denuncia Cinzia, scritta con versi toccanti...
  • Donato Delfin8 il 10/07/2010 00:47
    INTENSA.
    Molto sentita questa composizione.
    Argomento emotivamente coinvolgente!

    bravisssima ^^ 88x3
  • Giuseppe Tiloca il 09/07/2010 19:58
    Madre mia, Cinzia.. Io non trovo le parole per descrivere questo tuo scritto, talmente riflessivo è.
    È pur sempre un esperienza, un cambiamento, questa tua mi servirà, cinzia, la trattengo volentieri.
  • Anonimo il 09/07/2010 18:04
    La tua poesia è bella e reale i versi sono ben definiti per come te hai sofferto nel sentire
    questo racconto descrivendo ache la tua sensibilità :
  • Aedo il 09/07/2010 17:40
    Hai descritto con viva partecipazione una storia terribile, dolorosa, che deve farci riflettere. Mi domando: è mai possibile che l'uomo sia anche questo?
    Bravissima Cinzia!
  • Anna G. Mormina il 09/07/2010 17:38
    ... un uomo gentile che poi si rivela per ciò che è, un mostro... un mostro che oltre a devastare la vita di una donna, commette il crimine di 'sporcare' le persone a cui vogliamo bene... un mostro... nessuno può far a meno di addolorarsi per fatti simili che, purtroppo, continuano... poesia attuale e ben scritta, brava Cinzia!|
  • Donato Delfin8 il 09/07/2010 17:24
    INTENSA. Molto sentita questa composizione. Argomento emotivamente coinvolgente!
    Incesto? Ah bè di cucuzzelle? ed i fiori? mappate come sei ermetica

    Complimenti per la segnalazione ricevuta della giuria per il concorso a cui abbiamo partecipato relativo alla "violenza sulle donne"!

    Invito tutti a leggere la mia prossima poesia... magari dovrò scriverla come Delfinotta poichè parlo come una donna!


    88x3
  • Sergio Fravolini il 09/07/2010 14:33
    Un grido nella gola che silenzioso fugge.

    Sergio
  • sara zucchetti il 09/07/2010 13:40
    Brava Cinzia una poesia d'amore un po' triste ma si sente lo sfogo dei sentimenti e del dolore
  • Anonimo il 09/07/2010 12:41
    Condivido la pena della donna. Una poesia che parla del dolore vero, quello che non potrà mai guarire. Brava, è scritta molto bene.
  • Giuseppe Bellanca il 09/07/2010 12:35
    Analizzando la poesia si capisce che il grido è causato da una persona cara, che sta vicino al soggetto, la quale non riconosce più il principe che gli stava vicino, tu ne eri la Regina facevi parte del suo mondo speciale.
    Nel tempo le cose sono cambiate e l'uomo è cambiato, la cattiveria ha sostituito il gentil'uomo che avevi amato, il quale ha usato (violenza) alla sorella insozzandola nel modo peggiore ed ecco che un urlo squarcia il silenzio.
    Poesia molto sentita, di grande impatto emotivo, bravissima.
  • Dolce Sorriso il 09/07/2010 12:33
    concordo con Laura... il solo pensare che potrebbe succedere alle mie figlie... che brividi!!!
    Bella poesia
    bravaaa
  • karen tognini il 09/07/2010 12:17
    Poesia di forte impatto emotivo..

    Molto bella...
  • laura cuppone il 09/07/2010 11:37
    forse.. quando si tratta di noi.. metabolizziamo a fatica e magari ci colpevolizziamo per non esser riusciti a mantenere il Re nell'uomo mostro...é dura ma a volte riusciamo anche a superare, comprendere, giustificare (alcuni perdonano...)
    ma quando si tratta di qualcuno che amiamo, gli ochci si aprono davvero, la realtà si respira come gas venefico e ne siamo infettati e ne vediamo le maledette verità... quando qualcuno fa male a chi amiamo allora.. urlare è il minimo.. davvero il minimo...
    non oso pensare.. a cosa potrei fare.. se qualcuno toccasse chi amo...

    bellissima Cinzia.. urla e mena!!!!!
    lau
  • francesca cuccia il 09/07/2010 11:18
    Credo che dietro queste parole ci sia un dolore insuperabile e forte
    i mostri ormai sono ovunque ma quando sono in casa è inaccettabile ed immenso,
    Sfogarsi é un bene, un abbraccio.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/07/2010 11:12
    ... Un mostro ha sostituito l'uomo...

    Non la capisco completamente Cinzia... ma è struggente... lascia solchi nell'anima...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0