PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Albero solitario

Albero solitario.

Quassù, alto sul ciglio del dirupo, sto da 100 anni.
Albero, dignitoso, austero, malinconico.

Oggi mi domandi se è passato il tuo amore.
Ti rispondo che sotto di me è passata tutta una storia:
vittorie e sconfitte di uomini importanti e di semplici diavoli,
passioni acute e odio di razze e di genti.

Molti si sono soffermati sotto di me:
chi per godersi l'ombra fresca dei miei rami
chi per rubare l'attimo fuggente di un bacio
chi per riprendere fiato dopo la salita.

Io, che di quassù sono il solitario,
beato tra la solitudine,
sono amico del vento.
È lui che mi porta buone nuove o tristi novelle.

Tu mi chiedi se è passato il tuo amore.
Io ti rispondo di si: piangendo e triste
è arrivato lungo la strada che porta al fiume
sull'altra sponda: é lì che vuole rimanere.

Perché il ponte è rotto
e tu non puoi più passare.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fabio Solieri il 09/09/2014 15:21
    E poi dicono che gl'alberi sono nostri amici, un vero amico l'avrebbe fermata
  • Dolce Sorriso il 01/12/2010 13:15
    bellissima... immagino il contesto, il luogo...
    molto apprezzata
  • Anonimo il 30/11/2010 08:24
    Una bella metafora... ma senza speranza. Ma l'amore non conosce ostacoli o no? Auguri!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0