accedi   |   crea nuovo account

Riscatto

Seduto
su una panchina del porto

m'alzai di scatto

lasciando lì
la mia anima

piagnucolante

sospesa
a un filo della notte

da quel giorno
vissi

senza

peccato

m'imbarcai sul silenzioso vascello del Niente
navigando ad Oriente

sovrastando

il libero muggito

l'intendere vacuo delle onde

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • silvia ragazzoni il 25/03/2011 02:17
    bellissima vincenzo!...
    da quel giorno vissi senza peccato... m'imbarcai sul silenzioso vascello del Niente...
    complimenti!
  • loretta margherita citarei il 24/03/2011 19:09
  • Anonimo il 24/03/2011 18:34
    ''navigando ad Oriente

    sovrastando

    il libero muggito

    l'intendere vacuo delle onde''

    La trova meravigliosa, applausissimi
  • Nicola Lo Conte il 24/03/2011 17:49
    "m'alzai di scatto
    lasciando lì
    la mia anima
    piagnucolante"
    Alle volte occorre una scossa nella vita...
  • ANGELA VERARD0 il 24/03/2011 15:18
    mi sono dimenticata di dire che condivido pienamente il concetto espresso da Karen... al 100%
  • ANGELA VERARD0 il 24/03/2011 15:17
    "da quel giorno vissi senza peccato m'imbarcai sul silenzioso vascello del Niente" trovo che questa sia l'espressione più significativa di tutta la poesia... vissi senza peccato, lo interpreto come un vivere senza remore nel presente... il vascello del niente... come espressione del vivere senza aspettative e quindi senza delusioni... un viaggio alla ricerca dell'armonia interiore... Bellissima
  • angela ambrosini il 24/03/2011 15:13
    molto molto profonda. bellissima
  • karen tognini il 24/03/2011 14:41
    Si diventa peccatore solo davanti al giudizio dell'uomo... del piccolo uomo che è in ognuno di noi... l'anima è consumata dalla morale... ma davanti all'amore non esiste peccato...
    sei grande Vincenzo...
    meravigliosa...!!!
  • Anonimo il 24/03/2011 14:05
    Su quel vascello ci ritrovammo per scrivere l'inizio d'una poesia che valicava il concetto dell'avere per raggiungere quello dell'essere!
    Bravissimo Vincenzo!

    Alarìco
  • Anna G. Mormina il 24/03/2011 14:00
    ... vivere senza peccare... la massima aspirazione, ma non è per nulla facile!... malinconica ma bella!
  • Giuseppe Bellanca il 24/03/2011 12:58
    bella questa tua poesia ma sento molta tristezza... bravissimo Vincenzo ciao...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0