accedi   |   crea nuovo account

Scarpe

Scarpe e scarpe consumate
nei sentieri della vita
per cercarti affannosamente.
Ho percorso valli e colline,
e non ti ho trovato;
ho camminato lungo i greti,
ho guadato fiumi travolgenti,
e tu non c'eri.
Poi, una svolta nella mia vita:
non era necessario distruggere
scarpe,
percorrendo le strade sbagliate.
Le ho appese al chiodo del tormento
e ho continuato a piedi scalzi
per non far rumore
e sentire la tua voce.
Ho varcato il portale
del mio essere,
ho seguito i sicuri sentieri
dello spirito e
finalmente,
tra le pieghe dell'anima,
ti ho trovato,
mio Signore!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Mario Olimpieri il 27/04/2012 09:41
    Ringrazio Augusto per il suo passaggio e per la condivisione espressa con il simpatico esempio del ricercatore di funghi.
  • augusto villa il 26/04/2012 22:49
    Eh sì... Cercare Dio, a volte, è come andare a funghi: li hai sotto al naso e non riesci a vederli...
    L'importante... comunque, è andare a funghi!...
    ... Prima o poi...
  • Anonimo il 05/03/2012 09:12
    Ti ringrazio, Rosarita, del commento e della piena condivisione del tema trattato; in verità non riguarda la mia persona, ma è un prodotto di fantasia, dedicato a coloro che hanno vissuto una simile esperienza di vita. Mario
  • Rosarita De Martino il 04/03/2012 20:43
    Caro Mario, ho goduto pienamente questa tua poesia che mi ha permesso di fare insieme con te "quattro passi intorno all'anima". Per andare verso Dio, infatti, è necessario lasciare i propri punti di vista, i propri progetti ed essere disponibili ad aprirsi all'imprevedibile. Ti mando un caro saluto. Rosarita
  • salvo ragonesi il 25/06/2011 21:26
    questo è scrivere. non andiamo lontano a cercare tutte le cose che abbiamoa portata di mano e non cen 'eravamo mai accorti prima. bellissima. salvo
  • Bruno Briasco il 30/04/2011 17:36
    Troppe volte nella vita si cerca in capo al mondo quel che si ha in tasca e non lo vediamo. A me è capitato così. un abbraccio caro Mario, bel poema!
  • Mario Olimpieri il 27/04/2011 08:50
    Vi ringrazio, amici, per i graditi commenti e per le espressioni di piena condivisione. Un caro saluto a tutti.
  • - Giama - il 27/04/2011 00:16
    molto molto bravo, una metafora "vera"; il cammino nel sentiero della vita seguendo la voce della fede attraverso il sentire dell'anima, in levità dello spirito libero dalla materialità e gravità del corpo (le scarpe)..
    Complimenti!
    Ciao Gia
  • loretta margherita citarei il 26/04/2011 22:00
    bella, notevoli pensieri espressi
  • Laura cuoricino il 26/04/2011 18:18
    Attraverso le prove, i nostri no troviamo la vera Via, la Luce della nostra esistenza terrena!
    Una profonda analisi, Mario!
  • Anonimo il 26/04/2011 16:12
    Poesia molto sentita e significativa. Mi piacciono molto l'esposizione e il contenuto.
    Cinque stelle, ma purtroppo vanno in tilt.
  • Anonimo il 26/04/2011 15:58
    Poesia molto bella e vera. Il cammino di fede, la ricerca della verità, il senso del proprio essere, sono molto più vicine di dove solitamente andiamo a cercarli. Come diceva pure sant'Agostino bisogna solo rientrare in se stessi.
  • Ada Piras il 26/04/2011 12:13
    BELLA,è capitato anche a me.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0