accedi   |   crea nuovo account

Prospettiva di un ricamo

Oggi mi sveglio così, in nero
che va oltre parole inascoltate,
preveggenza di giorni che verranno
pieni ancora di quel tocco infuocato di scherno
vittorioso, su creduti miei orgogliosi pensieri umiliati.
Protetto è il tuo male e intelletto malvagio
da giudizi corrotti, di menti
in ruolo e corpo di giustizieri pavidi
complici di potere invasivo
e ricchezze rubate a sudori innocenti.
Forse non ti sei ancora accorto
che oltre quella porta
attraversata insieme per l'ultima volta
la strada è divisa da un fosso
che la sdoppia
pieno di fuoco dove bruciano eterni pensieri,
dove neanche i vermi di invincibili rimorsi muoiono.
Due saranno i sentieri di un'unica meta
come un diritto e un rovescio
di ricami intessuti in doppio, da voleri disgiunti.
Forse il mio ricamo sarà a punto pieno
perfetto, bianco su candori fortemente cercati
e il tuo, quello inferiore
grigio e nero, scomposto da fili intrecciati
di vendetta, pieno di nodi
risultato anch'esso di un unico accanito disegno.

 

0
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Michele Prenna il 17/06/2012 10:33
    Un ricamo rabbioso di donna in versi potenti di diseguale metro che arrivano dritti al punto. Poesia da leggere e rivisitare con attenzione per capire il non detto.

6 commenti:

  • Grazia Denaro il 06/02/2012 21:41
    Versi belli e originali, bravissima!
  • Anonimo il 15/06/2011 09:52
    bellissima metafora, come l'ordito di un tessuto... che egregiamente hai saputo scrivere in questoi versi complimenti...
    ps benvenuta
  • Maria Rosa Cugudda il 19/05/2011 21:04
    Versi suggestivi e ben scritti, molto apprezzata e gradita!
  • Kiara Luna il 19/05/2011 18:49
    La prospettiva d'uno stato d'animo che la vita non può spezzare, amara e furiosa... davvero molto sentita.
  • Giacomo Scimonelli il 19/05/2011 18:17
    ''... Forse non ti sei ancora accorto
    che oltre quella porta
    attraversata insieme per l'ultima volta
    la strada è divisa da un fosso
    che la sdoppia
    pieno di fuoco dove bruciano eterni pensieri,
    dove neanche i vermi di invincibili rimorsi muoiono.''

    stesura perfetta... complimenti...è diretta e chiara... bellissima
  • loretta margherita citarei il 19/05/2011 17:41
    ottima versi originali, brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0