username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Pensieri nella pioggerella

E me ne sto qui
ad aspettare il niente
-la telefonata, ricorda
un brano recondito
-gli occhiali, un altro.
Svuotandomi osservo
il chiaror plumbeo del cielo
o il rimbalzo delle gocce
sul papiro, sminuzzandosi
sferzate dalle foglie.
-no il ticchettio dello scroscio
sul tetto. Ma quanti siamo?
ognuno ambisce di protagonismo
di fronte al foglio intonso
su cui nereggia la penna.
-macchè, guarda bene...
ecco che albeggia la mia campagna
i poggi digradanti
e il viluppo di case
screziate dalla pioggia,
ricordi, oppure quella colata
immensa di nebbia...
-te la ricordi?
forse mi scoccio di attendere
-macchè, ho sonno
-la partita, sei già
in ritardo come al solito.
Quante voci centrifughe
ma per ora la burrasca
naviga, parzialmente mitigata,
la mia inerzia taciturna.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 28/07/2011 08:27
    complimenti, notevole
  • Anonimo il 27/07/2011 22:33
    Impressioni come dettate da un monologo interiore, un silente chiedersi dai mille perché. Un concentrarsi di interrogativi che lasciano una momentanea sospensione. Introspezione molto apprezzata. Complimenti!
  • karen tognini il 27/07/2011 21:06
    Piacitissima Mario... ma in quanti siamo?... siamo tanti... e molti scrivono per liberare l'anima cospargendola sui fogli in sogni di polvere di stelle...

    Immagini molto belle di una campagna bagnata dalla pioggia nel silenzio dei tuoi ombrosi pensieri...
    bravo!