accedi   |   crea nuovo account

Taxi

Non vi è lingua
di polverosa o magica città
di cui le mie ruote
non conservino respiri
inquietudini e speranze;
mi getto tra le labbra
di un giorno che odora ancora di sonno
salutando la claire
di un garaga sbadigliante
nuove corse
che non possiedono nè nomi nè volti
si disegnano su frammenti di strada
una corsa e la storia
acquista lieve consistenza
che vorrei saper fare memoria
mentre il tassametro
come il più perfetto dei metronomi
sigilla le mie fatiche;
"siamo arrivati, signore,
ecco, questa è la sua valigia
buona permanenza
i nostri viaggi si dividono
nella ricchezza di essersi incontrati".
Il traffico è una spada tagliente
che duella con il mio sistema nervoso
ma io so urlare più forte
che la metropoli mi possa sentire;
diavoli di fanali
vi piace come sempre scherzare
con l'imponenza intangibile dei grattaciali
mentre corteggiate la notte
e regalate a file di clochard
l'incanto di una luce
che possa farli ritrovare
identità di speranza.
E io intanto
mi addestro ancora ad ascoltare
lamenti infantili di signore
tutte lamenti e cipria
di cui inondarsi il volto
e poveri operai
che mi regalano i segreti
della periferia in cui abitano
e gemono con foto di bambini
a cui non potranno fare scartare
regali di Natale.
Sono un semplice taxi
perdonatemi
sentendovi parlare
è un po' come se indossassi il vestito
delle vostre vite
così anonime eppure così ricche.
Quando scenderete
mai saprete che sui miei sedili
sgualciti ma fieri
riposerà per sempre
l'impronta di una virgola
dell'esistere che mi avete confidato.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • cristiano comelli il 24/07/2012 22:50
    Scusate se torno su un mio componimento dopo tantissimo tempo, volevo soltanto cogliere l'occasione per ringraziare di cuore, e lodare per il loro non semplice lavoro, i tassisti di Bologna che mi hanno onorato della pubblicazione di questa poesia sul loro sito. Siete forti ragazzi. Grazie perchè ci portate da una parte all'altra della città sfidando le insidie del traffico e lo smog. Grazie davvero.
  • cristiano comelli il 28/11/2011 21:55
    Anche lei Loretta, grazie per l'attenzione che sempre riserva ai miei modesti contributi su questo sito. Cordialità.
  • loretta margherita citarei il 28/11/2011 21:50
    sei forte non c'è che dire complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0