PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La farfalla Fru Fru

Non c é peggior sordo di chi non vuol sentire

Non conta cosa e come dici qualcosa, conta chi hai dinnanzi.
Puoi dipingere il mondo dei colori più belli che conosci e chi ti ha ascoltato riuscire a vedere solo il bianco e nero.
Puoi sorridere e gioire della vita e chi ti osserva riuscirà a scorgere solo la tua frivolezza.
Puoi diffondere parole di pace e chi ti ascolta penserà che sei solo un altro pazzo che vorrebbe cambiare il mondo.


Primitiva io? Disse la testuggine alla farfalla FRU FRU.

Ma cosa puoi saperne tu, piccolo fiore che vola, cosa vuol dire appartenere ad una grande dinastia. Tu sei semplicemente un fiore che ha la fortuna di muovere i petali e volare.

No Tuga, hai frainteso io appunto dicevo che le testuggini hanno alle spalle millenni di storia, pensa che siete gli animali più antichi del mondo, eravate presenti già all'epoca dei dinosauri. Perciò mi sono permessa di dire che le tue sono origini primitive.

Disse la farfallina sorridendo, nella speranza d'essere compresa.

Basta frivola farfalla, tu non puoi capire cosa vuol dire appartenere ad una stirpe antica e nobile come la mia. Stai zitta.

Non riuscirò mai a farti comprendere cosa volevo dire. Disse FRU FRU. Sei talmente prevenuta che mi sembri quasi sorda, sai come si dice non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, mai proverbio è stato più azzeccato di questo.

Vai, vai vola via fastidiosa farfalla, mi hai molestata abbastanza per oggi, vai a svolazzare sui fiori di campo e restaci, restaci per sempre, io non ho piacere nel vederti.

La farfalla scoppiò a piangere disperata, non era nelle sue intenzioni offendere la grande Tuga, voleva semplicemente rivolgerle un complimento. Ma la tartaruga era grossa quanto ottusa, e aveva frainteso le docili parole della giovane farfalla.

Puà una coccinella amica della vecchia testuggine, aveva assistito al deplorevole frainteso, cercò di spingere Tuga alla ragione dicendo:

Tuga hai trattato male quella bellissima farfalla, che ti aveva semplicemente fatto un complimento, talvolta sembri davvero sorda.

Ti ci metti anche tu, Puà, sono stanca di parlare, quel che è stato e stato in fondo chiarire a che serve chi la vedrà più quella farfalla frivola e sciocca.

123

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0