PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gli inferiori si ribellano per ottenere l'uguaglianza e coloro che hanno ottenuto l'uguaglianza si ribellano per ottenere dei privilegi

 


5
4 commenti    

4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • carolina verzeletti il 11/01/2012 07:20
    Vincenza, il fatto che l'uomo si un essere pensante non lo esime da provare sentimenti di inferiorità, le classi sociali su cui l'uomo ha costriuto la società ed i suoi valori pone uomini su gradini inferiori e superiori, è tutto un arteficio ma questo arteficio tocca la sfera dell'io il quale prova sentimenti di inferiorità, è sempre l'uomo che ha attibuito al "termine" superiore ed inferiore i suoi parametri, per l'universo non vi è ne l'una ne l'altra cosa ma questa è altra filosofia...
    E credo che aristotele era a questa tipo di superiorità materialista e di classe creata dalla mente dell'uomo a cui si riferiva.
  • Vincenza il 11/01/2012 01:08
    Viva la filosofia, forgia l'uomo. Peccato che questa tesi non possa essere applicata veramente all'uomo, infatti bisognerebbe partire dal concetto di inferirità, che non è applicabile all'uomo in quanto pensante eil suo pensiero è influenzato dalla collettività. In quanto alla casta superiore io la definirei non essere superiore ma furbo, che è un altra cosa
  • carolina verzeletti il 02/11/2011 21:14
    Vero, veramente vero, e per sempre vero
  • il 11/03/2010 20:50
    Come diceva Mike: sempre più in alto!