username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Annientamento

Il cuore ha prodigato le lucciole
s'è acceso e spento
di verde in verde
ho compitato

Colle mie mani plasmo il suolo
diffuso di grilli
mi modulo
di
sommesso uguale
cuore

M'ama non m'ama
mi sono smaltato
di margherite
mi sono radicato
nella terra marcita
sono cresciuto
come un crespo
sullo stelo torto
mi sono colto
nel tuffo
di spinalba

Oggi
come l'Isonzo
di asfalto azzurro
mi fisso
nella cenere del greto
scoperto dal sole
e mi trasmuto
in volo di nubi

Appieno infine
sfrenato
il solito essere sgomento
non batte più il tempo col cuore
non ha tempo né luogo
è felice

Ho sulle labbra
il bacio di marmo

 


1
2 commenti    

2 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • marilena del mare il 15/08/2018 15:41
    torno a rigustare questo capolavoro e penso alla grande sensibilità di Giuseppe Ungaretti
  • marilena del mare il 24/11/2017 16:03
    penso che raccontare il proprio sentire in forma poetica con tanta elegante analisi sia possibile solo per lo stile Ungaretti