PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quelli erano tempi

In un dì,
ormai impolverato da lo tempo,
io bimbo, tu bimba,
dietro ai nostri aquiloni,
tenendoci per mano
spensierati correvamo,
piangevamo cadendo,
ma i nostri aquiloni
continuavano a volare,
e noi rialzandoci
correvamo con loro,
al fine stanchi
ci lasciavamo cadere
sul verde prato soffice
con papaveri rossi qui e là sparsi,
un bacetto su le tue guance bianche
le faceva divenire rosse,
ed io mi sentivo uomo,
uomo in calzoncini,
di dieci anni
o giù di lì.

 

1
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 05/05/2015 06:47
    il tempo della infanzia.. degli aquiloni.. delle dita e le guance sporche dal succo delle more.. e poi il primo bacio.. il primo contatto con l'universo femminile.. il primo arrossire.. bella Don..
  • roberto caterina il 04/05/2015 19:46
    Un tenero incontro... con Pascoli sullo sfondo...
  • Rocco Michele LETTINI il 04/05/2015 17:16
    Sublime Don nell'averci portato nella primiera indimenticata fanciullezza.

6 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 04/05/2015 21:42
    Magia dei primi Amori... non meno importanti
  • Don Pompeo Mongiello il 04/05/2015 20:18
    ... ancora una cosa, vigliaccheria anche questa, hai quattro anni, non avresti nemmeno saputo tenere in mano un pennino, o battere delle lettere al PC, io ne ho 60, chiedo quindi rispetto!
  • Don Pompeo Mongiello il 04/05/2015 20:12
    Som dobry čovek, alé sa niekam urasiť. Nemmeno io ho più pazienza di uno appena entrato e fa da padrone. Mostrati quanto sei bello. Ormai è arrivato il momento di dire basta ai nick name. Ancora una volta se hai coraggio scrivi il tuo vero nome.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0