PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ultimo ballo

Com'è che apri le danze e conduci il gioco
senza il mio consenso,
fischiettando un motivetto sconosciuto
e trascinandomi a peso morto in un ballo fuori tempo.
come potremo gettare le basi d'una migliore intesa,
evolvendoci in figure più complesse, se a te piace la salsa
e a me il tango, cosicché scoordinati ci pestiamo i piedi
e ad ogni passo ognuno va per la sua strada.
la malinconia d'una cosa molle siamo, alla continua ricerca
d'un nerbo divino, sparato dentro in fibre di carbonio
che dia un senso al nostro essere in circolo:
come frammenti d'universo, espulsi a enormi distanze.
purtroppo l'intenso brillare in coppia, non è privilegio di tutti
nemmeno delle stelle e a sbagliare sono bravissimo da me.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Circasso il 23/10/2016 11:34
    Ebbè a trovare la pappa pronta tutti son bravi! poi bisogna metterci del proprio per andare avanti in un rapporto. Saper costruire a costo anche di qualche sacrificio, valutando se stessi e gli altri.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 24/10/2016 17:45
    Una briciola di speranza di potervi afferrare con passi di danza diversi.
    Poesia costruita in modo molto bello per me.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0