PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il floppy

Claudio era un demonio ciccione
ed eravamo a casa sua,
9 anni entrambi,
quando mi dice
"ho un floppy per te."

tornato a casa
ho infilato immediatamente
il floppy nel mio
nuovo Acer del '97.

"cosa fai?"
ha chiesto mia madre
"niente. guardo il floppy
che mi ha regalato Claudio."

"non dovresti frequentare
certa gente"
proseguì
"lo sai che al refettorio
della scuola
ha messo un topo
nella zuppa di suor Graziella?!"

"era uno scherzo divertente,
mamma!"

"ah, uno scherzo?!
Signore mio, se ti sentisse tuo padre!"

contemporaneamente
la faccia di Ronaldo
compariva sullo schermo.

poi una scritta che diceva
Juventus merda,
uno sfondo di Jim Carrey
in Ace Ventura,
Aldo, Giovanni e Giacomo
che fanno i bulgari
in una scena di Mai dire gol.

"forza, vai avanti!"
"quando sarò grande..."
"avantiii!"
fa lei, severa.

ubbidii senza ribattere.

una strana immagine pelosa

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0