PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Certe notti lo strazio è pura energia creativa

avvizzisco
come la bella bianca gardenia
piantata sul davanzale della mia pazzia
che respira l'ultima luce puzzolente
nel silenzio e nella quiete del pomeriggio,
come Socrate
mentre la sua mente elabora
la morte prima della morte,
il colpo nella bieca prigione,
l'esilio volontario
e questa banda di dannati oggetti
sono insignificanti fino al vomito -
il mio accendino, le sigarette,
il grigio Acer Aspire 5630 del 2007-
sono la notte che buca queste pareti
e mi domando cosa ci sia di necessario
nel fondo del dolore
a cosa serva soffrire se non a prepararsi
a una nuova sofferenza
e nella strada i gatti esalano orribili muggiti
e le nuvole cineree sovrastano la luna
con brutale noncuranza,
il sistema d'illuminazione nel quartiere
è rotto,
l'alluce mi duole,
lo scarico nel gabinetto perde
secrezione bianco-giallastra,
mentre io
lontano dal felice ebetismo diffuso
sto avvizzendo,
adesso,
adesso.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0