PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sulle chiacchiere

è cedevole miseria,
questo vaneggiar del nulla,
è un bisogno di sedere
all'angolo, immobili,
lì, nel bugigattolo della vacuità.
bocche, sparute, che accendono
incessantemente la lingua,
bocche che adesso incantano
il serpente con la sterile parola;
puoi sentirla vicina
questa corrente ingiusta,
vicina da farti stare male,
puoi vedere la bava
fuoriuscire dai loro discorsi,
e il movimento sarà regolare
e costante
e interminabile,
smunti
inutili
triti
biasimevoli
muggiti
di pura idiosincrasia.
il timido non parla
se non interpellato,
vi è nell'uomo riservato
la possente natura del saggio.
è una lezione per tutti,
soprattutto per questi
stupidi ed egoriferiti
creatori dell'insignificante.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 29/10/2016 10:20
    Accidenti! Molto dura ma anche molto bella!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0