PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ieri

fumo
e la mattina è così priva di sussulti,
piatta nella sua indifferenza,
ieri, a quest'ora, cacciavo fuori
il dolore dalle dita,
me lo ricordo perché
ho visto una sua foto,
mentre stavo scrivendo,
come possiamo agonizzare ancora
per invisibili minuzie?
lei era riversa su di me,
il suo acido ricordo e quei capelli gentili,
era tutta su di me,
una storia finita da ormai molto tempo
e passeggiava sui colonnati
del mio desiderio,
un ultimo abbraccio,
un'ultima dolce parola d'amore,
era presente e assente,
era lì, ma non la potevo toccare,
e oggi il mio cervello grida l'inutilità,
l'inutilità di un amore fuggito,
l'inutilità delle persiane rotte,
l'inutilità della convinzione,
nonostante i capricci della vita,
di essere una persona che sa ancora
provare emozioni.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • pasquale radatti il 28/10/2016 19:22
    Ricordo di un amore ormai dimenticato... occhi che riguardano una fotografia che si rimpiange, amore già vissuto che ha lasciato una ferita profonda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0