PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non dimenticare

non dimenticare
gli amori passati ed i sogni violati
le mani del prete che ti davano
la prima comunione
il tuo cuore forte
graffiato da vicissitudini incartapecorite
la stessa luna spinosa degli ultimi anni
avvinazzando la stanza con le bottiglie rotte
non dimenticare
Dicembre
Dicembre è lo stesso Dicembre di sempre
resta il mese che aspettavi a sette anni
quando non si andava a scuola
e i pomeriggi erano il miracolo
rubato alla leggerezza dei tuoi anni migliori
e non te ne fregava un cazzo se il 25 nasceva Dio
eri tu il tuo Dio e ti bastavi
non dimenticare
il sudore dei campi da basket
il sudore lasciato nei letti
il sudore dietro il bancone della discoteca
il sudore
è sempre il sudore quello che ci resta
e i segni sulla pelle
che sono sempre stati i tuoi tatuaggi
anche quando non erano di moda
la scoperta dell'orgasmo
fiore divino nel deserto della piattezza
non dimenticare
la dimestichezza nel morire sempre
morire quando la gente
alzava cancelli d'indifferenza
mentre Leonard Cohen scriveva l'Hallelujah
mentre anche Franco Basaglia moriva
e senza di lui il mondo sarebbe stato un posto peggiore
mentre i sessantottini si coprivano le rughe
con del cerone bianco
morire sempre
negli istanti vuoti dentro un mondo che non ti voleva
non dimenticarlo
la memoria è tutto quello che abbiamo.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0