PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Con questo vuoto sempre

dovevo
distogliere la testa da certe fesserie
quelle che ti rendono fragile
come quei capelli adagiati dietro al collo
che lasciavano un profumo impossibile
sul sedile posteriore

dovevo
smetterla di pensare che tutto era alla portata
che la vita poi la vivi
anche quando la minestra si fredda

e il silenzio mi faceva paura
ma non lo sapevo
mi credevo capace a fare tutto
e la solitudine credevo fosse solamente
una brutta cosa che si legge sui libri


e avrei dovuto strapparmi via il cuore
e metterlo dentro un'ampolla di vetro
prima che fosse troppo tardi
prima di sentire il sapore della pietra scivolarmi nel sangue.

ma io non faccio mai quello che devo
perché la mia pazzia m'impone un'incoerenza perfetta.

ci vuole molta pazzia per scrivere di sé
e ce ne vuole ancora di più
per vivere con questo vuoto sempre.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0