PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una strana goduria

in passato ho goduto della mia sofferenza
come un poeta che si masturba
davanti a un tramonto.

anche nello sbocciare di un fiore
vedevo dolore,
la vita mi terrorizzava
ma poi la trovavo bella
o forse solamente affascinante.

e le notti mi chiudevo nella stanza
e sognavo sogni fantastici,
scrivevo poesie semplici e strazianti,
mentre piangevo,
mentre mi crogiolavo nel buio
che filtrava dalle persiane.

non ero contraddittorio.
ero semplicemente stanco.

e se quella era un'altra illusione
si avvicinava maledettissimamente
all'unico equilibrio possibile.

malinconia e riso
come puttane
mostravano la lingua
sguazzando nel letto.

ci ho fatto l'amore parecchie volte
ma poi non mi guardavo mai allo specchio.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0