PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Scetate

E che me scete a fa, songhe scetato,
e suonne ca facce sempre, addurmentate,
so chelle, e stesse che sotto 'e cuverte
riesche a fa cu l'uocchie ben aperte.
Mi dicono che song' un "sognatore"
rispunne, è ' o vero, sissignore.
Me suonne e te, nennè, quanto si bella,
me suonne de vasà chella vucchella.
'O reste cosa vuoi che sia,
è n'esercizio sul'e fantasia,
ca nisciune sape se s'avererà
ma ie te voglie, te voglie sempe amà.
Lassete andà e pienze sul a nuje,
se nun ce pienze l'ammore senne fuje,
a realtà verrà quanne verrà.
nuje simme ca, ce stamme a preparà !

Traduzione
E che mi sveglio a fare, sono già sveglio
I sogni che faccio sempre, addormentato,
son quelli, gli stessi che sotto le coperte
riesco a fare con gli occhi ben aperti.
Mi dicono che sono un Sognatore,
rispondo, è vero, sissignore.
Sogno di te, cara, quanto sei bella,
sogno di baciar la tua boccuccia.
Il resto cosa vuoi che sia,
un esercizio sol di fantasia,
che nessuno sa se s'avvererà,
ma io ti voglio, ti voglio sempre amare.
Lasciati andare e pensa solo a noi
Se non ci pensi l'amore se ne fugge,
la realtà verrà quando verrà.
noi siamo qua, ci stiamo preparando!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 07/11/2016 16:43
    poliglotta il nostro Circasso, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0