PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il prato è marcio come spazzatura

tutti gli psichiatri del mondo passeggiano
nell'interstizio tra il mio dolore e la mia pazzia
e i loro piedi calzano scarpe eleganti
e le loro bocche sorridono sorrisi tranquilli...
cazzo! stanno trasformando il mio cervello in un canale fognario!
ma la matematica del pazzo sta nel terrore che egli prova
quando s'infila le scarpe la mattina
e l'Associazione Mondiale di Psichiatria stila grosse liste di nuove malattie,
nuove scatole di farmaci, sistemi di restrizione e sistemi d'inserimento...
è forse strano questo mondo o sto ancora dormendo?
ho camminato nelle strade dell'Ovunque
vedendo solo una piatta calma inusuale,
mentre i vulcani spruzzavano il loro rosso succo pietrificando la valle,
mentre i venti spazzavano via le ultime case nel purgatorio del mondo,
mentre qualcuno moriva, qualcun altro veniva lentamente ucciso dalle solite malattie;
questa calma mi ha sempre mosso qualcosa dentro,
il modo in cui i loro sorrisi tranquilli coprivano i crimini,
l'ipocrisia di non volere vedere o forse pur vedendo di fare finta di niente;
ora la pioggia è spessa e acida come un catino di vomito
e io organizzo i miei resti nel cimitero della poesia -
scrivo una parola e poi un'altra e poi un'altra...
come l'epitaffio della mia lapide-
tutto questo non ha senso, è insignificante come una zanzara,
come un'unghia che cade, come la copertina di un libro scadente,
dov'è Dio, adesso?
il mio spazio è angusto e minimale,
ma a volte cela dentro piccole ricchezze,
ma loro ci camminano sopra, tirano via il succo della mia energia vitale...
sto morendo, muioio come il fiume che finisce nel mare,
muioio come tutte le cose belle,
strappata via l'erba buona dalla distesa, restano solo fili compromessi,
il prato è marcio come spazzatura,
il mondo si inarca all'indietro,
non una sola legge è stata rispettata,
tutte le cose piangono, piangono, piangono...

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 10/11/2016 13:49
    I vulcani eruttano, la terra trema, la gente muore e tanti vivono nella malattia. Eppure la gente sorride, tranquilla.
    Ma come fa?
    Versi straordinari.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0