PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sulla paura

l'antica paura ora balla
nella sacca degli intestini
e mentre la carta della diciottesima sigaretta
brucia
mostrando riflessi di fuoco innocuo,
io credo che temere
sia effettivamente la peggiore delle condanne;

e un attimo prima della morte
forse non temeremo più,
forse in quel momento
l'ultima debolezza del corpo
placherà la nostra cieca tensione
e come una corda tirata per anni
(sfilacciata, ridotta a flebile sagola)
e poi lasciata andare,
ci adageremo sulle nostre vecchie ossa
senza provare più niente,
senza pensare più niente.

ma ora siamo qui,
catapultati dentro senza sapere il perché
e dentro noi proviamo paura:
quando il sogno si scompone,
quando il nostro sperma
incontra un ovulo straniero,
quando sulla nostra azione
aleggia l'ombra del fallimento;

e per la lontananza del sole,
per la rigidità del sentimento,
per lo sguardo di Dio,
che noi cerchiamo
e che noi fuggiamo.

tutto questo è dentro e inevitabile
e si dispiega in noi,
per anni, per vite intere.

e l'umana speranza è niente
davanti a questo sacro tempio interiore;
lì sta la vita,
dall'ultimo animale
alla più sofisticata delle creature,
lì si vede il fulcro della nostra vivace condanna.

è questa paura che ci spinge a sopravvivere
e noi lo vogliamo e ne conosciamo il prezzo.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 10/11/2016 13:53
    Mi piace. La paura limita, fa viver male, fa dubitare di se stessi.
    Bella, hai ragione.
    Ottima chiusa.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0