PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il fallimento del poeta

uno strumento di parole e ritmo,
dio mio,
usato solamente per non impazzire,
uno strumento affilato
come la carta del giornale,
contro il Novembre assassino che sbuffa;
adopero il mio strumento
col fine di ricomporre la Cosa,
ma la poesia è sobillatrice di falsità
e le parole come aghi di sperma
scivolano via dalle mie mani
mentre organizzo la pugnetta perfetta;
è tutto così vulnerabile, cazzo,
questa nostra fuga verso la vetta,
questa azione ostinata dell'Arte...
la luce scandisce a intermittenza
il colore della disperazione
e forse è proprio questo il senso
della mia poesia:
bagliori codardi,
brividi soffocati,
mentre la luna è così gialla
da far uscire di testa un ragioniere;
io impazzisco nel buio
perché le mie mani cercano
qualcosa di reale,
ma la testa è altrove,
il cuore soffoca
in una morsa di ragnatele e spilloni,
tutto si riduce a vuota insignificanza,
la sensazione è povera,
è povera,
mentre tutti cercano la Verità,
ma la poesia, forse,
è uno strumento di pochi
e a noi ci agguanta
e non ci lascia dormire,
questa grossa puttana!
questa moina del diavolo!

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/11/2016 09:54
    Per molti la poesia è donna, angelo e puttana al tempo stesso. Piaciuta.

2 commenti:

  • silvia leuzzi il 16/11/2016 18:32
    Molto bella Ferdi questa tua, in alcuni punti mi ha ricordato la poetica di Anne Sexton ( 1928/1974 ) penso ti possa interessare. ciao
  • Gianni Spadavecchia il 16/11/2016 10:13
    Questa poesia, dipendenza assoluta. Più forte di noi, troppo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0