PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La diffidenza

i misteriosi occhi lacrimanti che osservano le mie interiorità,
la piccola spugna dove lei intinge detersivo nel mio sangue
per pulire le scorie e lasciare odore di nuovo;
questo è sorprendente,
ma quanto brucia la menzogna dell'amore
quando la realtà spalanca le fauci
come un'orrenda dimostrazione di forza,
quando tutto il nostro narcisismo diventa oggetto di lotta,
quando la sacca si svuota e il cuore rivela il suo liquido venefico
come una vipera.
non mi inganneranno quegli occhi e quello zelo,
la fugace promessa che ci sia qualcosa oltre la mia solitudine
è solo l'ultima delle illusioni...
ora l'artigiano intaglia un altro legno
disegnando rose e pistole,
il bianco e il nero attraversano il mio cervello,
sono i tatuaggi del mio cuore,
quanto odio dobbiamo sputare dopo essere ceduti
alla tenerezza di nobili carezze?
tu sei un pensiero pericoloso
e io osservo il fondo della quarta bottiglia
e cerco qualcosa di splendente e giallo,
qualcosa come un'illuminazione,
ma tra me e te c'è di mezzo l'oceano e il calore della brace,
chiudi quella bocca, respira il grigio gas della mia diffidenza,
abdicare non è grave,
grave sarebbe morire un'altra volta
nella disfatta di un abbraccio.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 21/11/2016 14:12
    siamo impastati di luci ed ombre, di qualità e di debolezze..
    di solito pensiamo che le persone coraggiose non provino alcun timore, ma la realtà è che hanno un apporto intenso e quasi intimo con la paura..
    (Matsyavatara Prabhu

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0