PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una strana voce

"allora!" dice qualcosa
ad alta voce.
riconosco il suono,
voluttuoso, impressionante,
ma non so da dove venga,
non so davvero da dove venga.
"allora! stupido pidocchio!
ha intenzione
di continuare ancora
questa pantomima?
non troverai mai
la luce nel soffitto
e le tende cominciano a bruciare!
non vedi?"
io arretro,
con le mani mi tengo le tempie,
sbatto sul muro
"chi sei?" domando.
"chi sei?"
"sono quello per cui Cristo
ha resistito sulla croce.
sono il silenzio del monte,
il cotone della nuvola,
la rabbia del toro
sbeffeggiato nell'arena.
capisci?"
"di rado" rispondo.
"e tu, stupido pidocchio!
tu, chi sei?"
"io... io... ma io..."
"tu non sei niente.
tu sprechi il tuo tempo
e le tue possibilità
perché non credi in niente,
e chi non crede in niente,
diventa niente."
"ma... ma l'amore... la poesia?"
"credi nell'amore?
l'amore è un cane
che viene dall'inferno
e ogni poesia scritta
ti ruba un pezzo di te.
ti lacera. dentro."
"ma in cosa credere, allora?"
"nella vita.
nel flusso costante
di luce che cela il vivere,
con crudeltà ed ardore."
"credo che preferirei morire."
"lo sei già.
sei già morto da tempo."

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 20/11/2016 09:45
    Molto introspettiva. Punto di vista differente dal solito. Un amore cattivo, poesia come ladra.
    La vita senza credere a niente è quasi morto.
    Ma tu morto non sei, me lo mostrano i tuoi versi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0