PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Resoconto sulla mia follia

la tricotillomania del ratto
che si strappa i peli
non è una malattia
come la sposa il suo velo,
voglio dire, i corvi
camminano nel mio cervello,
e sono così carini questi corvicelli,
carichi del loro odio, grigi,
e io ho piaghe oscure nelle corna
e come il ratto anelo al riposo e alla fogna,
ma non ha armi il mio cuore,
il mio cuore azzurro,
è distante dalle cose dell'amore
e dalle cose dell'odio,
prova indifferenza,
e come una cipolla azzurra ha mille strati
ma non ha un centro.
questa follia è proprio carina,
questa follia che mi tiene il giornale
quando caco,
questa follia azzurra e indaco
e violenta,
questa follia che scrive poesie
come il culo organizza i suoi stronzi,
questa follia mia, tutta mia,
solo mia, mia.
e io rifiuto il parere e il consiglio,
io non credo al succo di pomodoro
e alle teorie scientifiche,
perché il mio cuore è azzurro e folle
come un accendino,
perché il ratto si strappa i capelli,
e la brillantina del sole non concede pietà...
bruciano gli oggetti, bruciano, ora,
i miei testicoli nel buio,
oh dolce condanna di ciliegia,
azzera la calcolatrice della mia mente,
fa di me un giglio, il sangue del Signore,
la pietra tombale del mondo,
ti venero curvo in preghiera,
mentre le puttane mi succhiano il cazzo
con labbra di carnosa voluttà,
mentre ingoio medicinali
potenti come il fulmine,
mentre mi strappo via i capelli,
mi strappo il cuore
come te che non hai cuore,
ascoltami, oh condanna rossa
e instabile...
il fuoco brucia ora nel mio cervello
e i corvi sono così carini,
i corvi fumanti che passeggiano nel mio cervello,
ma loro non moriranno,
vivranno sempre dentro,
fino alla fine del tempo
e al silenzio dei watt,
vivranno sempre dentro
e nel fuoco si scateneranno.
dentro. sempre.
questi corvi maledetti.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/11/2016 14:43
    Ti ascrivo ufficialmente al neo-maledettismo: questa poesia è crudelmente straordinaria.

2 commenti:

  • baldanza festante il 21/11/2016 14:18
    piaciuta davvero molto... la tua follia
  • Emanuelle Patis il 21/11/2016 08:22
    sono rimasta impressionata da questa "rutilante" poesia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0