PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La luce cinematografica

Nell'evanescente stanza fumosa
in cui il buio incontra la luce cinematografica
io mi sento al sicuro
anche se qui è tutto nuovo per me
e questo mi rende confuso
ma le dinamiche di branco
fra carnivori affamati
mi eccitano sempre,
mi risvegliano istinti ancestrali!

Di sedile in sedile
che qui tutto sembra così lindo
e invece è tutto così sporco
, in tutti i sensi,
perché ci hanno sporcato i sessi
fin da quando eravamo in fasce.

In questa evanescente stanza fumosa
in cui il buio non ricopre gli altri,
io scivolo accanto al tuo sedile
e tu fai scivolare la tua mano.

È tutto così caldo e viscoso
io sbando, perdo il controllo, la tua mano
mi spinge oltre ogni confine.

La tua pelle è fresca
il tuo corpo spigoloso
amo andare a sbatterci addosso.

Rarefatta magia qui
anche se tu non sei affatto romantico
e noi non ci baciamo
e il buio violenta la luce cinematografica.

 

1
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 24/11/2016 07:05
    Concordo con il pensiero di Anto, ma l'atmosfera è satura, densa, la tensione sembra avere un suo peso specifico.
  • Anonimo il 23/11/2016 13:32
    ... sembra quasi il resoconto di una giornata trascorsa in un cinema hard... già già

5 commenti:

  • frivolous b. il 01/12/2016 15:59
    Nino nudo non l'ho mai visto, mai neanche toccato... visto solo una volta "live", in compagnia del mio ragazzo (e giuro nessuna roba a tre!), ma vestito... però, sì, un po' spigoloso pareva ehehe!... Scherzi a parte grazie a tutti di cuore, non me ne vogliano gli altri ma in particolare a Federica, davvero carinissima!
  • Federica Cavalera il 29/11/2016 17:49
    La poesia rende in maniera alquanto chiara la ricerca di un contatto seppur casuale, come dici tu poco romantico. Ma a volte come si rende ben chiaro in questi versi si ha bisogno di una certa pagliazione degli istinti primordiali e non la ricerca dell'amore eterno che raramente si trova. Una poesia scritta in maniera sublime che racconta un'esperienza di vita come tante. Apprezzata.
  • Anonimo il 24/11/2016 08:04
    Io stavo scherzando, ovviamente! Comunque ha ragione Vincent, l'atmosfera è satura e opprimente e Frivolous ha reso bene l'idea
  • maria angela carosia il 23/11/2016 17:47
    Stile, molto piaciuto. Complimenti di cuore. Buona serata
  • Anonimo il 23/11/2016 15:54
    Ah ma allora era Antonino quel corpo spigoloso!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0