PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alla Musa caduta con la spalla

Luigia cadde da cavallo
mentre tu, mia povera musa,
sei caduta con la spalla
e per la cuffia gemente
ti recasti a Villa Verde.
Ora se per merito tuo
mi ritrovo poeta,
oggi son proprio qui,
in questa casa di cura,
per redarguire i sanitari
che le Muse dal vivo,
lungi dal contaminarle,
vanno curate in versi
e non certo trattate alla stregua
di comuni esseri mortali.
E così per rimediar
a tanto scempio passato
proprio qui nei pressi
di questa clinica emiliana
sempre più va a ruba
una specialità napoletana...
quella pizza sopraffina
che ben ti rappresenta
per rendere omaggio
alla musa di Gragnano.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/12/2016 08:35
    Mirabile sempre nelle tue espressive quanto magistrali decantazioni.
    Lieta giornata, Francesco.
    *****

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 09/12/2016 19:58
    La musa va trattata coi guanti, va curata coi versi.
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0