PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nuvole

Nuvole a forma di fungo
di bomba atomica
in questa grigia e precaria vita
pesano sulla mia testa vagabonda
che si perde, che si amplia
e si riempie di vuoto
e si svuota di freddo
accumulato durante il lungo inverno.

Dimentico tutto
lascio fuori il cappotto
il mondo è in cortocircuito
lampioni neri e color buio.

C'est l'amour baby!
Una nebbia rarefatta
un: i miss you e altre stronzate
come luci intermittenti, come tutto che scorre.

Non ti voglio fra le mie lenzuola,
ma vorrei riemozionarmi con te
rimescolare i nostri corpi ora che è tutto tecnologicamente scontato.

Ti voglio e non ti voglio
, riempi e svuota i polmoni,
è tutto così complicato
e io così confuso.

La foschia
si diffonde dalla Senna
alle carcasse di cartone,
è quello che e come mi sento:
solo vuoto come i miei passi...

Nuvole.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Federica Cavalera il 07/12/2016 17:16
    Un verseggio alquanto particolare...è una poesia che da un lato trasmette leggerezza specialmente nel ritmo di lettura... ma l'argomento non è proprio leggero c'è il protagonista che forse non vuole una storia frivola ma emozionarsi però c'è anche una certa confusione nell'animo che non riesce a farlo focalizzare bene quello che vuole... insomma ritmo incalzante per uno stato d'animo alquanto confuso.

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 08/12/2016 10:42
    Nuvole pesanti, che coprono gli spiragli di luce pronti ad aiutarti.
    Bella.
  • vincent corbo il 08/12/2016 06:46
    La prima e la terza sono le più "potenti".

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0