PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gloria

Una folla che reclama una mia lacrima
in un tempo in cui tutto era diverso
fra lo scolaretto forforoso e la troietta di provincia
scendere giù in pista!
Fra acidi, ritmi deep house, luci blu
trasformare il pilone di una scala in un palo
alla ricerca continua di attenzioni
di vanità
di gloria
Gloria!

Ragazzi del dubbio
ragazzi ambigui
dalla dubbia sessualità
giorni gloriosi che corrono via come cavalli selvatici
Borgo, Binario 1...
e i corridoi bui che odorano di fumo di sigaretta
mani forti che sanno di duro lavoro
e che si smorzano nell'atmosfera glam
della suprema sborrata.

Ragazze perse
che cercano di attirare i boys
con vestitini sgargianti
cappellini e pantaloni a vita veramente troppo bassa
con mutande rosa/fucsia in bella vista.

Alla ricerca continua di una gabbia
di un cubo sul quale salire
di una fotocamera,
di gloria
Gloria.

Ragazzo pallido, magro, dai capelli rossi
ora moro, abbronzato, coi vestiti giusti
tutto cambia, tutto ha il suo codice.

Trans che sembrano donne vere
froce che sembrano donne vere
tutto sembrava possibile eppure impossibile
in quelle notti di Gloria.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 09/12/2016 19:42
    Un Carnevale di pomposa tristezza che tu sai esporre in versi veri, che scorticano l'anima, la scuotono dal torpore benpensante o non pensante, che è meglio. Un bacione
  • Ferdinando il 09/12/2016 10:21
    Una bella ballata poetica dal ritmo sincopato... sempre bravo friv. Ciao.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0