PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Parole

Non sono più le parole che voglio da te
perché è passato troppo tempo
e io mi chiedo: cosa mi stanno dicendo i tuoi occhi artici?
Sono lontani
eppure il tuo sguardo è così profondo
sento qualcosa:
non so se è amore, mancanza o pulviscolo.

Mi chiedi un consiglio:
Francesco, un consiglio?
O un repulisti?

Non sono più le parole che vuoi da me
e io vorrei solo parlare con te
ma il tempo ci è nemico.

E nei tuoi occhi grigi
e nel tuo sguardo dolce
mi perderei
se solo esistesse un dove per noi.

Se solo ci fosse un nido, ancora
per ospitarci un attimo
dove fare l'amore
senza colpe o remore,
selvaggiamente fatti attaccare al mio cazzo
e succhiarti via tutto
e chiamare l'amore
con altre...
parole?
Ma tu non vuoi più parole da me.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 22/12/2016 11:06
    Quella "parolina" ha il peso di una roccia in una poesia che scorreva liscia come l'acqua. Tanti auguri di buon Natale e tanta felicità poetica.

2 commenti:

  • silvia leuzzi il 22/12/2016 18:37
    I rapporti d'amore più intensi e controversi si aggrovigliano nelle parole. Interessante lavoro anche se un molto intimo nei contenuti. Un abbraccio
  • Gianni Spadavecchia il 21/12/2016 16:53
    Se solo fosse possibile, voi vi rifugereste ancora in quel luogo che era un tempo vostro.
    Molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0