PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cose che mutano, all'infinito, da sempre, per sempre

ma come farei, io, a sentirmi messinese,
attaccato a radici deboli
come la delimitazione geografica di un pezzo di terra,
quando abito da sempre il mio corpo
e sono da sempre intrappolato in quest'Alcatraz di cellule,
quando se mi taglio il sangue scivola giù
e mi macchia i pantaloni, le mie gambe di carne,
questa prigione di muscoli e dolore e limitatezza,
io, che sono nato nella luce d'oro
di uno strappo nel tessuto della regolarità,
quest'anima mia che ha voglia di uscire
e considerare la sconfinatezza.
non siamo di nessuna terra,
semplicemente stiamo chiusi per un po',
mettiamo giù la destra e la sinistra secondo leggi precise,
impariamo a non volare,
quando, forse, volare è tutto,
impercettibile luce che strabuzza nell'istante,
oltre l'ultimo buco nero nel polo nord dell'universo,
oltre l'essenza stessa del divenire,
cose che mutano, all'infinito, da sempre, per sempre.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/01/2017 18:27
    Un sentito quanto acuto verseggiar firmato con oculatezza.
    Lieta serata, Ferdinando.
    *****

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0