PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ultimo viggio

Pian piano, molto lentamente
er caro procedeva fra la gente
lungo le strade de periferia
della città, co gran malinconia.
Con fare abbastanza austero
se dirigeva verso er cimitero
pe scaricà colà, dopo er trasporto
er contenuto suo, 'na cassa da morto.
'N cane la seguiva desolato,
forse perché era preoccupato,
de mette un passo dopo l'artri,
n'avrebbe resistito a fa chilometri.
Er popolo che nun sapea chi fosse,
'o salutava come 'o conoscesse,
chi se segnava, chi se levava a tuba,
chi se 'nchinava come avesse a gobba.
Dar fonno della via s'udì 'na voce,
de uno che nun voleva dasse pace :
" È 'ncravattaro, l'omo nella bara
e, finarmente, l'ha pagata cara! "
Ed ecco, un boato rompe a pace,
da bara esce un vecchietto audace,
co 'n vestito logoro e pulcioso
de sopra se sedette l'invidioso.
"Ammazza che giustizia che c'avemo
ancora nun so morto che trovamo,
disse er vecchietto, quarcuno che te sta a giudicà
'na vita intera senza da indagà.
Io so colpevole ', 'o dico veramente
ho fatto tanto male a morta gente.
Ma che ne sai se per opera mia
quarcuno s'è sarvato dai guai sua?
Che sai se ar momento der trapasso,
nun trovai modo de calare l'asso
der perdono, se sai cosa voglio dì
e di che cosa mi volli sta a pentì ?
Mò vado, vado co 'a certezza
de nun sentimme proprio 'na monnezza.
Tu resta qua a fare er magistrato...
me sa che nun me so proprio sbajato!

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/01/2017 18:30
    Non ti sei proprio sbagliato amicco... Humorismo pungente quanto eccellente.
    Lieta serata.
    *****

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0