PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Trenta

17 la sfiga
io sono nato
lui è morto.


C'è il freddo e il gelo.


Eppure sono 30 primavere, e non so,
per me è solo un numero
e come tutti i numeri, per me,
non ha senso.


Continuo il mio cammino
tra i sentieri di una favola distorta,
lo so che sono strade senza senso.


Non ricordo niente, giuro,
sono solo con i miei passi stanchi
e non ho più paura,
ma mi faccio tenerezza da solo
anche adesso che perdo pezzi di me stesso
sono solo pesanti cerchi viola attorno agli occhi
gli auguri, le feste, non splendono,
sono solo
e non me ne vergogno.


Auguri!

 

2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 16/01/2017 15:19
    bella dai che sei ancora giovanissimo...
  • silvia leuzzi il 15/01/2017 22:16
    Struggente come tante delle tue ultime, piene di parole che lacrimano, ma con pudore, nascoste da lievi sorrisi, così come sei tu, splendido trentenne. Un bacio un abbraccio e tanti auguri a te splendore
  • vincent corbo il 13/01/2017 06:36
    Io li faccio il 15, cinquanta e mi fa orrore. Però, dai, se ci pensiamo bene i tuoi 30 sono i 30 di una persona eccezzziunale veramente, i miei sono i 50 di un bambino forse cresciutello, per cui non possiamo lamentarci! Auguri ad un Capricorno doc.

3 commenti:

  • frivolous b. il 20/01/2017 16:40
    È questo il problema Roberto! È che ultimamente tutti "sono giovanissimi" fino a età inoltrata! Grazie a tutti per i bei commenti e per gli auguri... e anche se in straritardo: augurissimi Vincy!!!!
  • frivolous b. il 13/01/2017 13:04
    "Ecceziunale veramente"? Ma mi facci il piacere, mi facci!... cmq gentilissimo come sempre Vincy... grazie di essere passato Gianni!
  • Gianni Spadavecchia il 13/01/2017 08:55
    A volte meglio soli che male accompagnati.
    Bella poesia, molto personale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0