PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Va e viene

L'avorio delle torri
salva talvolta dalla follia
come rigido sole che eccede
la fantasia
intensifica lo sguardo

E iniziano le cose
initia rerum
amori difficilmente visibili
hanno bisogno di più giorni
per lodare l'inesistente
e appare solo ora
la calda luce del Natale

una nascita
può forse essere rinviata
Anche un Dio ha bisogno
di adamantine incertezze
così essenziali al cercare
e all'essere cercato.

Una nascita
come la morte
va e viene.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 17/01/2017 04:37
    UN RIFLETTERE FIRMATO CON L'ARGUZIA DEL TUO SOLITO ET MAGISTRALE POETAR.
    LIETA GIORNATA, ROBERTO.
    *****
  • silvia leuzzi il 16/01/2017 21:49
    Particolare e delicata espressione di spiritualità, fatta di parole morbide e setose che accarezzano l'anima anche di un non credente.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 16/01/2017 16:47
    Una nascita, come la morte, si aspetta e si teme.
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0