PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Altra poesia sull'assenza

Morte,
il piede distratto nella curva sinistra,
duemiladecimo anno del Signore,
Tik Tok alla televisione,
ti rovesciavi in me
e sapere con gl'occhi
la presenza di te,
fumando i miei nodi
in un orinatoio
bianco, lucido, di sperma,
tra me e te,
tra te e il mio sangue,
questo legame
mi disinnescava.

vent'anni anni, poco meno che ventuno,
Gesù inchiodato nei miei occhi,
i miei occhi sempre
nella febbre spastica
d'un ospedale appiccicoso
nell'Australia delle menti umane,
come finiva la vita, Morte,
in quella tomba improvvisata,
fatta di medicine e di follia
col pappagallo per una pipì
e le finestre dalle grate spesse
chiuse nel distacco della patologia.

e ora sono triste, Morte,
ora che sento ciò che non si dovrebbe mai sentire,
ora che vedo ciò che non si dovrebbe mai vedere,
morto non ancora morto,
in questa tiepida offuscata prigione di parole
che mi condanna al pensiero.
sette anni sono passati,
sette minuti che ho cominciato questa poesia,
la gola mi si secca
quando penso a Pinochet nell''81
e quando il mio dottore
si liscia i suoi capelli di castagno
io vedo un altro Pinochet impunito
e un altro abisso.

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Walter Tresoldi il 30/01/2017 11:14
    Molto forte e partecipata. Dolorosa.
    "In questa tiepida offuscata prigione di parole..."
    Piaciuta.
  • Rocco Michele LETTINI il 30/01/2017 05:25
    Riflessive strofe... firmate diligentemente.
    Lieta settimana, Ferdinando.
    *****

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 30/01/2017 09:48
    Vedi cose che non tutti hanno coraggio e modo di osservare. Sei un morto non morto, ma sei più vivo che mai quando scrivi.
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0